Cambiavento

Nello specchio del nazismo che ritorna

Pubblicata il 7 dicembre 2017

Vai alla sezione Cronaca »

Riguardiamo questo filmato. Tutti i giornali ne parlano, tutti lo condannano, molti dicono: mettiamo in galera i naziskin. Ma sì, mettiamoli in galera così si moltiplicano. Vietiamo l'apologia di fascismo così l'apologia del fascismo dilagherà dovunque. Oppure diamoci una calmata e ascoltiamo il testo dalla sintassi incerta che è stato letto dal pelato che a Como è entrato con altri dodici pelati vestiti come lui per leggere ai volontari di Como Senza Frontiere un testo molto ma molto interessante. Lo riporto qua sotto parola per parola, perché i benpensanti dell'antifascismo di regime non hanno generalmente il coraggio di riportarlo, neppure Il Manifesto tanto per intenderci ha ritenuto utile riportarlo, sbagliando enormemente.

Dice il pelato (le prime parole sono perdute nella registrazione): “….dovrebbero difendere i diritti dei lavoratori e invece appoggiano una logica schiavista causando, d'amore e d'accordo coi loro padroni una una spietata gara al ribasso, soloni dell'emigrazionismo a tutti i costi, incapaci di vedere che la loro logica malata sacrifica i popoli di tutto il mondo sull'altare di un turbo capitalismo alienante il tutto amplificato da un megafono propagandistico di pseudo clericali irretiti dalla retorica mondialista.
Infine a tutti quelli che questi popoli mirano a sostituirli con non popoli figli della mondialità incontrollata il tutto nel nome del progresso per tutti voi, figli di una patria che non amate siamo qui a ricordarvi che il popolo si ama e non si distrugge. Ora potete riprendere a discutere di come rovinare la nostra patria.”

Si tratta di un testo impressionante che io definirei nazional-operaista. Questo testo parla il solo linguaggio che oggi sia comprensibile per la grande maggioranza di coloro che negli ultimi dieci anni hanno perduto metà del loro salario e sono sempre più alla mercé della violenza padronale della precarietà o della povertà totale. E' colpa dei migranti? E' colpa dei volontari di Como senza frontiere? Certo che no.

Ma non servirà a nulla fare la lezioncina di anti-razzismo e di bontà a questi poveracci. L'Unione europea ha saccheggiato le risorse economiche della società, ha messo i lavoratori alla fame, li ha aizzati gli uni contro gli altri, e alla fine quando dei migranti riescono a sfuggire all'annegamento e alle torture degli alleati di Minniti e a raggiungere il territorio europeo dove li mandiamo? li mandiamo in qualche baracca situata nei quartieri dove abitano i poveracci a Tiburtino 3, mica ai quartieri alti.
E allora ecco che quelli dei quartieri alti esprimono i loro buoni sentimenti antirazzisti, predicano la multiculturalità e l'accoglienza, mentre quelli del Tiburtino 3 si incazzano come belve, e come non capirli?

Il fascismo è qui, ha già vinto nella mente sconquassata e nei cuori induriti della maggior parte degli europei, e i moralizzatori della sinistra al governo (ancora per poco) ci chiamano alla difesa della democrazia. Che si fottano. La parola democrazia fa ridere dopo il luglio del 2015, quando la volontà espressa dal 62% dei cittadini greci venne calpestata e irrisa dai politici che rappresentano gli interessi del grande capitale e della finanza. La democrazia è stata liquidata dal fiscal compact e dalla troika. Ora è il tempo della vendetta, che ha le fattezze del trumpismo globale.

Quel che sta succedendo era già successo: dopo la grande guerra, dopo il Congresso di Versailles milioni di lavoratori, sconfitti socialmente, devastati dalla guerra, infuriati contro il saccheggio finanziario, seguirono Adolf Hitler che gli aveva detto: non siete operai sconfitti ma guerrieri ariani.
Da quindici anni lo sappiamo e lo diciamo: il ceto finanziario e politico sta distruggendo la vita di milioni di persone e sta preparando il fascismo. Ora ci siamo. Umiliata dalla violenza finanziaria ora la maggioranza della popolazione europea esprime il suo desiderio di vendetta prendendosela con chi è più debole.
Gli squadristi che si esibiscono nel filmato comasco mi fanno pena, non orrore. Chi mi fa orrore è il ceto neoliberal finanzista, che ci ha riportato al 1933. Chi mi fa orrore sono i democratici europei benpensanti, quelli che nei quartieri alti si lamentano della scarsa accoglienza che i bravi migranti trovano nei quartieri bassi.

Quattro parole orrende
Nell'estate del 2016, quando cominciammo a vedere le conseguenze delle politiche di respingimento europee, mi vennero in mente una frase, quattro parole rabbiose ma eufoniche: Auschwitz on the beach.
Era un remake del titolo che Robert Wilson e Philip Glass hanno dato a una loro opera nel 1976. Avevo sostituito Einstein con la parola Auschwitz. Quello che avevo pensato mi fece orrore. Mi feci orrore io stesso, probabilmente. Come potevo giocare nella mia mente con il nome che rappresenta un concentrato immenso di dolore, come potevo ironizzare sull'Olocausto?

Eppure ogni volta che aprivo il giornale, ogni volta che leggevo qualcosa sugli accordi tedeschi con Erdogan per contenere e detenere tre milioni di richiedenti asilo, o di un naufragio nel Canale di Sicilia, o della folla di uomini respinti alla frontiera di Ventimiglia, o delle migliaia di disperati che a Calais difendevano la loro giungla, o dei siriani intrappolati nel manicomio di Leros, o degli ottomila intrappolati a Lesbos, o di quelli che si accampano davanti a una rete metallica alla frontiera ungherese, mi tornavano in mente quelle parole: Auschwitz on the beach.

Un campo di sterminio che si estende lungo le coste del Mediterraneo, appena un po' nascosto per non dare fastidio ai turisti che si stendono estivamente sotto l'ombrellone. Un campo di sterminio nel quale abbiamo rinchiuso folle che fuggono dall'inferno di guerre che l'Occidente ha suscitato dallAfghanistan all'Iraq all'Africa, alla Libia, dovunque.
Dapprima mi vergognai di avere pensato quelle quattro parole, poi però smisi di vergognarmi, e mi accorsi che quelle quattro parole orrende erano l'unico modo per parlare di quello che sta accadendo in Europa, in Nord Africa, tutt'intorno al Mediterraneo.
Intendevo dunque paragonare la situazione che si è creata lungo le coste del bacino mediterraneo con il Gulag sovietico, o con lo sterminio nazista?
Sì, intendevo proprio fare questo.

Nello specchio del nazismo che ritorna
Qualcuno mi chiede: perché insistere sul fatto che stiamo vivendo un ritorno del fascismo? Perché dire che lo sterminio in corso nel mediterraneo ha caratteristiche paragonabili all'Olocausto?
Vogliamo forse spaventare qualcuno, vogliamo forse sollecitare un senso di colpa?
E' una domanda legittima.
La mia risposta è che dobbiamo capire, questa è la prima regola, in assoluto: dobbiamo capire quel che sta accadendo, perché quel che accade non è il frutto della malvagità dell'animo umano, ma di processi storici, sociali e psichici che occorre riconoscere in modo spietato se vogliamo salvare una piccola possibilità di agire utilmente.

La cosa che mi interessa sottolineare dunque non è la somiglianza etica di Marco Minniti con Adolf Eichmann, che pure mi sembra notevole, ma la dinamica sociale e psichica che ha prodotto lo sterminio degli anni '40, e quella che sta producendo un ripetersi di quello sterminio. Nonostante il mutamento radicale delle condizioni tecniche, geopolitiche, culturali che rende naturalmente irripetibile la vicenda del secolo passato la dinamica è la stessa
Quale dinamica portò al fascismo storico? impoverimento della società da parte del capitale finanziario, sentimento di umiliazione da parte dei lavoratori, ricerca di un capro espiatorio cui attribuire le colpe dell'umiliazione e della miseria, e quindi sterminio.

Ebbene, quella dinamica si sta riproducendo in modo spaventosamente simile oggi.
Il capitale finanziario ha messo in moto una macchina di saccheggio, impoverimento della società, umiliazione politica della democrazia. I governi di centro-sinistra si sono fatti strumento della violenza finanziaria. I lavoratori, impoveriti dall'aggressione economica e umiliati dall'impotenza politica cercano un capro espiatorio, un nemico debole, visto che il nemico forte è troppo forte per poterlo affrontare.
Sei milioni di ebrei pareggiarono il conto per gli umiliati lavoratori tedeschi. Quanti milioni di africani sterminerà Macron per placare la rabbia e l'umiliazione dei lavoratori francesi?

Ecco perché quel paragone è utile, necessario. Perché ci permette di capire quale dinamica produce il nazismo e porta allo sterminio. Quella dinamica (sociale, ma anche psichica) è la sola cosa su cui possiamo agire, per fermare, attenuare, respingere il nazismo che riemerge.

A nulla serve la minaccia di repressione contro chi esprime sentimenti politicamente scorretti. A nulla serve la retorica della democrazia poiché la democrazia è inerte, inservibile, sistemicamente estinta.
Occorre trovare una forma di comunicazione capace di disvelare quella dinamica.
Occorre uno specchio. I razzisti di oggi, cioè la maggioranza latente della società, vanno messi di fronte a uno specchio, perché possano vedersi, e capire quel che gli sta succedendo.
Per questo è indispensabile dire la verità: il fascismo è tornato in Europa, è forza dilagante e politicamente inarrestabile.
Solo la consapevolezza (solo la cura, solo la comprensione del fascista come vittima) può fermarlo.

Endlosung
In questi giorni del tardo autunno 2017 si delinea un intervento europeo guidato dal Presidente Francese. L'intenzione è quella di creare una forza congiunta euro-africana per rimpatriare un numero imprecisato (comunque enorme) di persone che hanno investito le loro poche risorse e le loro attese sul sogno di raggiungere l'Europa. Un sogno che abbiamo molto propagandato, d'altronde.
Quella che Macron sta organizzando è la fase finale dello sterminio che da alcuni anni si è avviato lentamente. Possiamo fingere di non saperlo, possiamo pensare che no, le truppe francesi e maliane congiunte cortesemente riporteranno a casa qualche milione di giovanetti che si sono allontanati imprudentemente dalle loro capanne, ma non è così.

Quella che prepara Macron con l'aiuto dei tirapiedi italiani e il plauso della popolazione europea convertita al nazismo si chiama Endlosung: soluzione finale.
Auschwitz on the beach è il modo migliore per definirlo.
Alla fine dell'estate del 2016 scrissi il testo di una performance che si chiamava con quelle quattro parole orrende. Mio fratello fa il musicista e scrisse un brano per quella performance. Dim Sampajo è un artista amico mio, e concepì un'installazione visuale. Ci invitarono a portare la performance a documenta14, Kassel.
La performance non ha mai avuto luogo.

Nell'ultima settimana prima della performance che si doveva tenere il 24 agosto, sulla stampa tedesca si è scatenata una campagna di invettive contro quel titolo, contro quelle quattro parole orrende, per la ragione molto semplice che i giornalisti tedeschi (e i loro ben educati lettori) si sono riconosciuti nello specchio di quelle quattro parole, e si sono ribellati contro la loro stessa immagine.
Di fronte a quel pronunciamento massiccio del benpensantismo tedesco io e i miei collaboratori abbiamo deciso di cancellare la performance e di sostituirla con una serata di discussione che si è chiamata Shame on us, riprendendo la frase che diversi giornalisti avevano usato contro di noi.

Di cosa ci stiamo vergognando?
Ma di cosa ci dobbiamo vergognare? Ci dobbiamo vergognare di aver pensato quelle quattro parole, ci dobbiamo vergognare per aver costruito uno specchio?
No, ci dobbiamo vergognare di essere europei, di essere coloro che hanno sfruttato le risorse dellAfrica e del Medio Oriente, del Suid America e dell'Asia, insomma del mondo. Ci dobbiamo vergognare di essere incapaci di fare i conti con il nostro passato colonialista. Ci dobbiamo vergognare delle guerre che abbiamo provocato, delle guerre che abbiamo armato, della distruzione che abbiamo seminato in tutto il bacino mediterraneo.
E soprattutto ci dobbiamo vergognare perché da due decenni cerchiamo di contenere e di respingere milioni di persone che vogliono sfuggire all'inferno che noi stessi abbiamo provocato, e ci presentano il conto.

Il 24 agosto sono andato a Kassel, alla Rotonda del Fridericianum, dove si stava adunando una grande folla. La maggior parte delle persone non ha potuto entrare nella sala, ed è rimasta fuori, sulla piazza, mentre dentro io parlavo dicendo le cose che potete ascoltare qui >>>>. Nei giorni successivi l'atteggiamento della stampa tedesca è cambiata, almeno in parte. Alcuni giornalisti, un o' meno conformisti (o un po' meno fascisti) degli altri hanno cominciato a interrogarsi sul significato dell'isterismo benpensante che aveva vietato la performance. Certo, i tedeschi hanno una sensibilità particolare quando si tratta di sterminio. Ma il pericolo è che non siano capaci di vedere lo sterminio presente per paura di rivedere lo sterminio passato.

Qualcuno, come Philip Ruch sul Suddeutsche Zeitung, in un articolo dal titolo “Un attacco alla libertà dell'arte” (allegato sotto) ha denunciato la censura che l'opinione pubblica tedesca aveva operato contro la libera espressione di un artista (io e i miei collaboratori). In realtà non credo che si sia trattato di censura, e in ogni caso la libertà di espressione è l'ultima delle mie preoccupazioni. Credo che si sia trattato di un episodio di auto-censura, semmai. I democratici tedeschi, i democratici d'Europa non vogliono riconoscere la realtà che loro stessi hanno prodotto, perché questa realtà è orrenda. Dopo avere ripetuto per mille volte Nie Wieder Auschwitz, ora che Auschwitz è in costruzione con i soldi tedeschi sulle coste mediterranee, non vogliono saperlo, non vogliono che qualcuno ripeta quella parola.
Per questo io la ripeto, perché non vi è altra speranza per fermare la belva se non questa: guardarla negli occhi, e parlarle, senza mostrare i denti.

(Franco Berardi Bifo)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Allegati alla pagina
Articolo Philipp Ruch
Dimensione file: 65 kB [Nuova finestra]
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl