"Egregi candidati sindaco, cosa ne pensate dell'educazione stradale?"

Pubblicata il 30 maggio 2018

Vai alla sezione Lettere e Commenti »

Gentile Direttore,
mancano pochi giorni al voto per l'elezione del Sindaco nella nostra città di Imola e, pur avendo partecipato assiduamente agli incontri dei 7 candidati Sindaco che le varie associazioni hanno organizzato, non ho udito una sola parola sulla prevenzione degli incidenti stradali e sulla educazione stradale che ne dovrebbe conseguire.

Ho sentito idee secondo le quali i “Vigili”, dovrebbero occuparsi prevalentemente di sanzioni o di sicurezza come repressione dei furti, degli scippi e quant'altro.
Ho appreso che qualche candidato propone di assumere nuove unità di Polizia Municipale. Nobile proposito, ma per fare che cosa? Il quarto turno dalle 24 alle 6 per il controllo di quei cittadini che di notte delinquono in vari modi?

Sottolineo che la Polizia Municipale non è un organo statale e, oltre a non possedere la dovuta formazione ed idonea struttura, non ha nemmeno la possibilità di collegarsi allo SDI (Accesso banca dati del ministero dell'Interno) per sapere almeno in tempo reale con chi ha a che fare al momento del controllo.
Potrebbe avere davanti a sè il più noto latitante mafioso e non venirne a conoscenza.

Gentile Direttore, vorrei conoscere tramite il Suo giornale cosa invece pensa ogni candidato sulla questione dell'educazione stradale nelle scuole e non solo nelle scuole. Ricordo ai candidati che Imola aveva uno dei progetti all'avanguardia a livello nazionale e che coinvolgeva attivamente oltre alla scuola, la famiglia e il territorio.

L'ex sindaco di Imola, nonostante i precedenti e meritevoli riconoscimenti inviati al Comune da due Presidenti della Repubblica ( una medaglia di bronzo e una di argento di Ciampi e Napolitano) e il plauso di Papa Woityla, nei suoi ultimi dieci anni di governo, ha lasciato, nonostante gli obblighi che la legge impone alle Scuole, ai Ministeri, ai Sindaci, alle Polizie Municipali, che tutto cadesse in pratica nel nulla di fatto.


Tutto ciò premesso si chiede pubblicamente ai candidati sindaci di esprimere coerentemente a tutti gli elettori quali saranno i loro impegni concreti nel promuovere questa cultura della prevenzione, della sicurezza ed educazione stradale, cosa e come intendono dare attuazione alle norme del Codice stradale del 1993 all'art 230 e successive delibere ministeriali che individuano esattamente programmi e modalità di intervento dei Docenti e delle Polizie Municipali.

(Emilio Noferini)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy