Violenza sulle donne, oltre 200.000 euro per le vittime di reati

Pubblicata il 9 luglio 2018

Vai alla sezione Cronaca »

Carlo Lucarelli
Bologna. Ventotto casi analizzati, ventisette accolti e 201 mila euro erogati a sostegno delle donne vittime di violenza. I dati sono stati presentati in commissione Parità da Carlo Lucarelli e Elena Buccoliero, rispettivamente presidente e direttrice della “Fondazione emiliano-romagnola per le vittime di reati”.
Le 27 richieste di aiuto riguardano violenze verso le donne (dieci istanze), quattro casi di violenza di genere, sei reati di violenza su minori e sette richieste di aiuto in seguito a gravi reati, di cui tre per omicidio. Nel dettaglio, dei 201 mila euro erogati oltre la metà riguardano la violenza sulle donne (72.500 per violenza subìta da partner o ex, 35 mila euro per violenza subìta da conoscenti o sconosciuti), il 21% riguarda violenza sui minori (41.500 euro), e il 27,67% (quindi 52 mila euro) riguardano omicidi o gravi lesioni.

Guardando le singole province, nel 2017 sono state due le istanze finanziate a Piacenza, a Parma, a Modena e a Bologna, tre a Ferrara, nove a Reggio Emilia, cinque a Rimini e solo una a Ravenna e a Forlì-Cesena. "Spiccano Reggio Emilia - ha sottolineato Buccoliero - per casi di violenza sui bambini e Rimini per fatti di cronaca molto violenti, come l'aggressione con l'acido a Gessica Notaro e quella in spiaggia alla coppia polacca" della scorsa estate.

Alla violenza di genere è stato dedicato il 36 per cento dei fondi del 2017 e per ogni istanza è stata erogata una somma variabile tra i 5 mila e i 12.500 euro. La fondazione ha finanziato dieci richieste di aiuto e sono stati tutti casi di violenza domestica. Le istanze venivano da Reggio Emilia (tre) Bologna (una), Modena (una), Piacenza (due) e una soltanto per quanto riguarda le province di Ferrara, Forlì-Cesena e Rimini. Per quanto riguarda i femminicidi, i casi registrati in Emilia-Romagna nel 2016 sono stati 12 o 13, a cui si aggiungono quattro uccisioni nel 2017.

Per quanto riguarda i minori, le sei istanze accolte riguardano, in un caso, maltrattamenti fisici reiterati e, in cinque casi, violenza sessuale. La provincia più coinvolta è Reggio Emilia (si contano quattro casi) mentre solo un caso riguarda Modena e Ravenna.

"Guidando questa fondazione - ha detto Lucarelli - ho la sensazione di fare una cosa buona. Cerchiamo di dare un sostegno e un aiuto tempestivo: un concetto, questo, molto emiliano-romagnolo. Esiste una rete di supporto, fatta di volontari e assistenti sociali, che funziona nella nostra regione". Inoltre: "Se dovessimo stare alle richieste di una maggior sicurezza, dovremmo mettere le telecamere soprattutto dentro casa e in camera da letto". Poi l'esempio: "Abbiamo stanziato dei fondi per una ragazza vittima di stalking e che ne è vittima da quando è ragazzina. L'uomo è stato denunciato e arrestato, ma ogni volta che esce dal carcere ricomincia. La donna ora è costretta a espatriare. Dal mio punto di vista questo è un fallimento. Io guido la fondazione con l'idea che chi pensa all'Emilia-Romagna pensi a una regione bella, non a una regione da cui scappare".

Enrico Campedelli (Pd) ha sottolineato come "la fondazione spesso trova risposte prima delle istituzioni e dà un sostegno importante, visto che spesso per i minori (e non solo) le ricadute psicologiche non sono poche. Vero che ci sono i servizi sociali, ma non sempre il pubblico riesce a scendere così nel particolare come fa questa fondazione". Da Francesca Marchetti, anche lei consigliera del Partito democratico, è arrivata la richiesta "di collaborare con la commissione Cultura per portare avanti un concetto importante, da diffondere sempre di più anche nelle scuole: la comunità e le istituzioni non lasciano sole le vittime dei reati". E la dem Barbara Lori ha ricordato i suoi anni da sindaco, quando "ho dovuto affrontare la tragedia di un ragazzino che uccise un'amica. Con il senno di poi abbiamo sentito la mancanza di una rete che potesse aiutarci a dare risposte tempestive, perché l'omicida aveva una sorella che andava alle elementari e anche i titoli sui giornali andavano presidiati".

E se il vicepresidente della commissione Andrea Mumolo ha chiesto "se ci sia anche la volontà di offrire un sostegno legale e di tutela giuridica", la presidente Mori ha sottolineato come "tutti noi siamo a disposizione perché l'attività della fondazione sia sempre più efficace".

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy