L'amianto uccide ancora

Pubblicata il 14 settembre 2018

Vai alla sezione Salute »

Basta amianto
Lo sapete che si continua a morire di amianto? Purtroppo si!
Nel 2017 (Ansa di giugno 2018) più di 6.000 persone sono morte per mano dell'amianto. Un interno quartiere di una città medio-piccola.
Questi i dati contenuti nel “Libro Bianco delle morti di amianto in Italia”, dell'Osservatorio nazionale amianto: 3.600 per tumore polmonare, 1.800 per mesotelioma e 600 per asbestosi.
Ancora 40 milioni le tonnellate di amianto da bonificare e circa 1 milione i siti contaminati, sia edifici privati che pubblici, tra cui 2.400 scuole, 250 ospedali e 1.000 tra biblioteche ed edifici culturali.
I sindacati, Cigl, Cisl e Uil hanno rotto il silenzio lanciando un'interessante iniziativa: “L'Italia libera dall'amianto entro il 2028”

Non sarebbe meglio rimuoverlo prima? Per le sue caratteristiche di resistenza e di forte flessibilità l'amianto venne largamente utilizzato dall'inizio del XX secolo nelle costruzioni edilizie, in particolare per la realizzazione di lastre di copertura, tubi, cisterne e pannelli antincendio, ma anche per guarnizioni, dischi dei freni, coibentazioni termiche e acustiche in navi, treni ma anche per presine da cucina.

L'amianto rappresenta un pericolo per la salute a causa delle fibre di cui è costituito che possono essere presenti in ambienti di lavoro e di vita e, quindi, inalate.
Il rilascio di fibre nell'ambiente può avvenire in occasione di una loro manipolazione/lavorazione oppure, spontaneamente, come nel caso di materiali friabili, usurati o sottoposti a vibrazioni, correnti d'aria, urti, ecc..

L'esposizione a fibre di amianto è associata a malattie dell'apparato respiratorio (asbestosi, carcinoma polmonare) e delle membrane sierose, principalmente la pleura (mesoteliomi).
Le proposte dei sindacati, che qui riporto e condivido appieno, sono di semplice attuazione.
Basta volerlo:
a) richiesta incontro col ministro del Lavoro, della Salute e dell'Ambiente per mettere a punto una serie di strategia che vanno dall'implementazione dei fondi per i familiari vittime di amianto ed erogazioni puntuali da parte degli organi preposti
b) richiesta di incontro coi governatori delle regioni e con l'Anci (associazione dei Comuni italiani) per una completa ed aggiornata mappatura dei materiali a potenziale contenuto di amianto.

Si dovrà per forza ricorrere a nuovi incentivi sia per gli enti locali che per i privati (i quali procedono a rilento in tal senso) al fine di procedere con un'adeguata programmazione a rimuovere per sempre l'amianto.

Si segnala a tal proposito che la Regione Emilia Romagna ha proceduto alla redazione di un "Piano amianto regionale" così come da delibera di giunta n. 1945 del 4 dicembre 2017.
Molto è stato fatto ma con lentezza. Mentre è necessario agire in fretta, consapevoli dei tempi tecnici necessari ad una completa mappatura.
Pur tuttavia la domanda è: si può morire ancora di amianto nel 2018?
E possibile che in alcuni uffici, ospedali ed altre strutture pubbliche ci siano ancora pavimenti in amianto?

(Dino Bufi)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy