Il teatro di Franca Rame al Lolli

Pubblicata il 18 ottobre 2018

Vai alla sezione Cultura & Spettacoli »

Il teatro di  Franca Rame al Teatro Lolli
Potete chiamarmi strega ( Franca Rame).

Imola.a"All'Improvvisa" è il titolo dello spettacolo, dedicato al teatro di Franca Rame, che andrà in scena sabato 20 ottobre, ore 21, al teatro Lolli (via Caterina Sforza 3) nell'ambito della rassegna “Sere d'autunno”. Si tratta del lavoro della X edizione di "Non voglio mica la luna", laboratorio teatro donne con la regia di Fulvia Leonetti.

"All'improvvisa" è il termine con cui nella Commedia dell'arte si indica l'andare a soggetto, fuori dal testo.La maniera di recitare di Franca Rame è oltremodo libera, sebbene sia difficilissimo restare “in parte”, la questione pare sia proprio questa: rimanere in scena nonostante i tagli, la censura, la masnada, le minacce, le basi militari, i silenzi,  le morti bianche, la mafia. Vivere se è possibile almeno dieci vite.
Dieci sono le donne del laboratorio "Non voglio mica la luna" che hanno scelto di interpretare le madri di Franca Rame, personaggi che portano il dramma all'estremo e ci chiedono perché? Parliamo di donne, Una vita all'improvvisa, Dialogocon la nipote, Lisistrata romana, Io, Ulrike grido, La mammafricchettona, Una donna sola, Una madre, Mamma Togni, MicheleLu Lanzone, Decidano le madri per la guerra, La Madonna incontra le Marie, per finire con Maria alla croce.
Con Sonni Monduzzi, Elisabetta Turricchia, Paola Gentilini, Silvia Cavina, Sara Ghannouchi, Grazia Gistri, Teresa Monni, Marina Cassani, Domenica Castelli, Emanuela Sentimenti, regia di Fulvia Lionetti.

Non voglio mica la luna è un laboratorio di teatro condotto da Fulvia Lionetti, attrice e dottoressa in Discipline del Teatro. Il lavoro ha come intento quello di avvicinare le donne, attraverso il linguaggio teatrale e il processo creativo che regge una messa in scena, ad una ricerca il più possibile originale e partecipata di se stesse e della memoria condivisa, attribuendo importanza alla propria vocazione teatrale come strumento di rappresentazione altra rispetto ai modelli imperanti. Fondamentale è dunque la fonte di riferimento che mette in moto un processo culturale ad 'alto quoziente di libertà'. Ogni donna ha un suo stile dove è dentro tutta quanta: protagonista. 

L'iniziativa è promossa da Seacoop, con la collaborazione del Comune di Imola.

Il prossimo appuntamento della Rassegna di Tilt (Trasgressivo Imola Laboratorio Teatro) è il 10 novembre con “Polifemo. Occhio al formaggio” nell'ambito del Baccanale 2018. Due repliche pomeridiane alle 16 e alle 17 al Teatro Lolli. A seguire degustazione di formaggi.

(v.g.)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy