Empasse sul Con.Ami, il M5s: "Non possiamo cedere ai soprusi dei sindaci Pd"

Pubblicata il 20 ottobre 2018

Vai alla sezione Politica »

Empasse sul Con.Ami, il M5s: "Non possiamo cedere ai soprusi dei sindaci Pd"
Arrrivano il giorno dopo la grande rottura sul cda del Con.Ami fra l'Amministrazione a 5 Stelle di Imola e  gli altri sindaci dell'assemblea, in particolare quelli del Pd, le motivazioni dei pentastellati.

"Vogliamo raccontare ai nostri concittadini una verità molto semplice, che ciascuno può comprendere bene. Nella nomina del Cda di Con.Ami l'azionista di maggioranza è stato messo in minoranza e non può decidere nulla sul destino dell'azienda alla quale ha apportato i due terzi del capitale complessivo - sottolinea un comunicato del Movimento 5 stelle Imola -. È una situazione assurda, frutto di una recentissima modifica dello statuto, che non abbiamo votato noi, e che fa sì che le decisioni siano prese per singoli membri e non per quota di capitale. Lo scopo era di impedire che la perdita elettorale di uno o più Comuni togliesse alla maggioranza dei sindaci del Partito Democratico il controllo della 'cassaforte Con.Ami'. Dove si è mai visto che chi detiene la stragrande maggioranza del capitale di una qualunque azienda conti meno di zero nelle scelte? Solo nel mondo separato dalla realtà creato da chi oggi ci accusa di politicizzare le nomine. È vero il contrario: la vecchia politica vuole mantenere il
controllo anche se i cittadini hanno votato per il cambiamento. Il punto che solleviamo è: Imola deve accettare che i sindaci del Pd di Medicina o Castel San Pietro prendano decisioni che la danneggiano? Nell'assemblea dei soci Imola è in minoranza, se fosse in minoranza anche nel Cda non avremmo più la minima voce in capitolo e tutto continuerebbe come prima, non sarebbe più possibile
realizzare il cambiamento per il quale abbiamo ottenuto il mandato dai nostri cittadini. L'empasse non siamo noi a volerla, in Con.Ami abbiamo i nostri soldi e Con.Ami gestisce attività importanti che ci coinvolgono, il nostro interesse è che Con.Ami funzioni e funzioni bene, nell'interesse di tutti. Proprio per questo non possiamo cedere a un sopruso tanto enorme come quello che si sta perpetrando".

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy