Un progetto per riflettere sulla Ue a 50 anni dal premio Europa

Pubblicata il 2 novembre 2018

Vai alla sezione Cronaca »

Un progetto per riflettere sulla Ue a 50 anni dal premio Europa
Faenza. Un progetto “alternativo e ribelle”, volto a promuovere la cittadinanza in maniera diversa, alla luce di un periodo storico in cui I cittadini europei sembrano sempre più propensi alla chiusura: questa è l'essenza di "Eredità controcorrente", iniziativa volta a fornire spunti di riflessione sul presente e sul futuro dell'Europa a 50 anni dalla nascita del premio Europa e sul significato effettivo di essere cittadini europei nel 2018.

Un percorso di tre giovani faentini protagonisti di questo evento, che si terrà al teatro Masini di Faenza giovedì 8 novembre a partire dalle 20.45. Moderati da Oliviero Ponte di Pino, personaggio di spicco in ambito radiofonico ed editoriale, i 3 giovani protagonisti della serata (Tommaso Cappelli, presidente dell'associazione giovanile Atelier B, Davide Agresti, operatore Caritas e Nicola Fiorentini, presidente di Mani Tese Faenza) verranno coinvolti in discussioni circa diverse tematiche relative al passato, al presente e al futuro dell'Unione europea.
La serata, che si svilupperà in tre momenti salienti, è resa possibile grazie ai finanziamenti di Regione Emilia Romagna e del Comune di Faenza, in collaborazione con Ruggero Sintoni e "Accademia perduta Romagna teatri".

(Annalaura Matatia)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy