Cna soddisfatta dall'abolizione del Sistri, non funzionale e gravoso sui rifiuti

Pubblicata il 7 dicembre 2018

Vai alla sezione Economia e Lavoro »

Cna
Imola. La Cna esprime un forte apprezzamento per la decisione del governo di abolire il Sistri (Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti) a partire dal 1° gennaio 2019. Per migliaia di imprese si tratta della liberazione da un incubo.

“La bozza del Decreto legge Semplificazione, di imminente emanazione, prevede l'abolizione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, il Sistri, a partire dal 1° gennaio 2019. Quindi saranno aboliti i contributi annuali che in questi anni i soggetti obbligati hanno dovuto versare, pur continuando a gestire i rifiuti prodotti con le modalità vigenti prima dell'introduzione del Sistri”, dichiara Paolo Cavini (nella foto), presidente di Cna Imola Associazione Metropolitana.

Il Sistri non ha mai funzionato, “la Cna, che da sempre si è battuta per il superamento di un sistema non funzionale e gravoso per le imprese, rinnova, a tutti i suoi livelli, la massima disponibilità, sempre dichiarata in tutti i tavoli Istituzionali, a collaborare col Ministero competente per creare un nuovo strumento di tracciabilità dei rifiuti pericolosi basato sulla semplicità d'uso, efficienza e costi contenuti”, continua il Paolo Cavini.

La Cna Imola si rende disponibile per chiarimenti e supporto alle imprese contattando al 0542 632611 il coordinatore ingegner Francesca Gramellini.

“Un altro passo importante in favore degli artigiani e delle piccole imprese sarebbe, come chiesto più volte dalla Cna, la deducibilità integrale dell'Imu sugli immobili strumentali, un atto di giustizia fiscale.”

Il Governo in un emendamento alla manovra raddoppia l'attuale livello di deducibilità dal 20 al 40 per cento riconoscendo, sia pure parzialmente, che gli immobili strumentali, capannoni, laboratori, negozi,  non costituiscono un bene di lusso ma sono indispensabili all'attività d'impresa e alla creazione di lavoro.

“Ora ci attendiamo ulteriore attenzione da parte del governo e del Parlamento nei confronti degli artigiani e delle piccole imprese, a cominciare dalla riduzione dei premi Inail”, conclude il presidente Cavini.

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.Iva 02226881205
Codice Destinatario: M5UXCR1


© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy