Imola. La “Confederazione generale italiana del commercio, del turismo e dei servizi”, in sigla Confcommercio, dopo un percorso che ha coinvolto la struttura a tutti i livelli, ha attuato un processo di rinnovamento, dandosi anche una nuova denominazione: “Confcommercio Imprese per l'Italia”. Contemporaneamente ha adottato un nuovo logo, che anche visivamente recepisce le novità introdotte.
Le ragioni del cambiamento sono molteplici, ma si possono sintetizzare “nell'esigenza di esprimere più adeguatamente un quadro di rappresentanza maggiormente intersettoriale, composto certo ancora prevalentemente da imprese del settore terziario (commercio, turismo e servizi), ma che, a seguito dei grandi mutamenti intervenuti a livello legislativo, economico e organizzativo, si è allargato alla piccola e media impresa e al mondo delle professioni. La nuova denominazione vuole dunque rispecchiare questa realtà, aprendosi sempre più ad un'ampia rappresentanza imprenditoriale e del mondo economico”, recita il comunicato. In questo processo la Confederazione nazionale ha voluto impegnare tutte le articolazioni del sistema Confcommercio ad adottare e promuovere il nuovo logo in modo coordinato, “una decisione fortemente condivisibile per esprimere compiutamente il peso di una grande Confederazione a tutti i livelli di operatività, sia locale che nazionale. Ed ecco che anche la nostra rappresentanza territoriale si appresta a fare questo delicato, ma necessario passaggio, sostituendo a partire da lunedì 21 marzo, in ogni spazio di comunicazione il marchio Ascom Imola con Confcommercio Imprese per l'Italia- Ascom Imola, che da ora in poi ci identificherà in ogni nostra comunicazione”.
Il nostro nuovo marchio esprime in modo incisivo “l'identità della nostra struttura, moderna, solida ed efficiente, di lunga e consolidata presenza sul territorio, che fa parte di un'organizzazione nazionale, che è la più grande rappresentanza d'impresa italiana, con più di 700.00 imprese e quasi 2.800.000 addetti. Per questo, sotto la tradizionale aquila (da sempre simbolo di Confcommercio) è ora riportata la scritta 'Imprese per l'Italia', che vuole valorizzare la grande forza di rappresentanza dell'organizzazione di cui facciamo parte. Nel nostro nuovo marchio è però anche presente il richiamo alle nostre radici, al nome che rappresenta la nostra presenza e la nostra forza sul territorio, che dura ininterrottamente dal primo dopoguerra”. Il nuovo logo “rende ora – da una parte – uniformemente riconoscibile all'esterno l'appartenenza al sistema Confcommercio e – dall'altra – evidenzia il forte e solido richiamo al territorio in cui operiamo”.