Imola. Il Registro del testamento biologico, istitito lo scorso 19 gennaio 2011, in seguito ad una proposta della Federazione della sinistra, dei Verdi e del Gruppo consiliare “La Sinistra, l’Arcobaleno” ha fatto un altro passo avanti. Infatti il 6 aprile 2011 la giunta comunale ha approvato il regolamento per l’istituzione del Registro delle Dichiarazioni anticipate di trattamento (Dat). “Accogliamo quindi con molto favore questa decisione del governo di Imola che dopo un dibattito molto alto ed approfondito ha concluso l’iter che è anche la garanzia dell’autodeterminazione dell’individuo di modo da garantire a chi, pienamente consapevole ed informato, voglia esercitare, su base assolutamente volontaria, la possibilità di depositare le proprie ‘Disposizione anticipate di trattamento”, indicando le terapie alle quali si vuole essere sottoposti, così come quelle che si intendono rifiutare, nel caso in cui si perderà la coscienza e con essa la possibilità di esprimersi”, sottolineano i proponenti .
Dal 2 maggio 2011 a Imola si potrà quindi esercitare un diritto “che ci impegneremo a divulgare e fare conoscere a tutti i cittadini interessati anche facendoci supporto a chi ne sentisse la necessità”.