Faenza. Una EcoFesta per la chiusura del progetto didattico “La Grande Macchina del Mondo” si è tenuta venerdì 20 maggio, presso Villa Orestina. L’iniziativa è stata promossa da Hera e da Con.Ami nelle scuole del comprensorio faentino e aveva al centro i temi dell’acqua, dell’energia e dell’ambiente, coinvogendo circa 2.400 studenti.
L’impegno di Con.Ami ed Hera, in continuità con gli anni passati, ha permesso quest’anno di ampliare l’offerta didattica: nel solo comprensorio faentino hanno partecipato ai progetti 41 classi in più rispetto al 2009/2010.
L’offerta didattica rientra in una proposta educativa più ampia e che, per il primo anno, è stata omogenea e unificata sulle sei province in cui opera il Gruppo Hera, che ha investito complessivamente 480.000 euro, a cui si è aggiunto il contributo di 25.000 euro del Con.Ami sul territorio di Imola e Faenza.
Nei sei Comuni faentini sono state 19 le classi che hanno scelto percorsi didattici svolti in classe sui rifiuti, 49 hanno invece preferito l’energia come argomento da approfondire e 48 l’acqua. 5 classi hanno invece scelto di partecipare all’itinherario invisibile, che ha compreso un primo incontro in classe e una successiva visita a un impianto.
Nel corso dell’EcoFesta, alla quale hanno partecipato circa 220 studenti, è stata esposta una mostra di giochi realizzati con materiali di recupero e altri giochi sono stati realizzati direttamente nel parco con l’attività “zog de rosc”. E’ stata inoltre messa a disposizione dei bambini una giostra ad energia solare ed è stata offerta una merenda biologica a base di frutta.