Imola. Si chiama “Post Scriptum” ed è visitabile all’indirizzo www.rivistaps.it. Lo scopo, da cui nasce, è quello di legittimare una comunicazione, che non sia sopraffazione, ma conoscenza e che possa coinvolgere anche i giovani (metà della redazione ha tra i 21 e i 23 anni). La struttura portante della rivista sarà costituita da un tema monografico, che per il primo numero sarà “Immigrazione”. Attorno ad esso vivranno diverse rubriche che spaziano nella multimedialità: “Atlante”, una specie di wikipedia geografico, che raccoglierà i report di chiunque viva o vada all'estero che, inviando la sua testimonianza ed eventualmente foto su un luogo geografico, contribuisca a costruire una lettura eclettica e diversa del pianeta; “Galleria”, spazio destinato a fotografi, poeti, fumettari, pittori, scultori, musicisti, ecc., che desiderino pubblicare le loro opere e mettersi in confronto con il creato; “Giochi”, produzione originale di giochi di simulazione della realtà e giochi interattivi: il primo è “Futurisibile, il gioco dell’immigrazione” insieme a un divertente gioco letterario. Tutte le parti della rivista sono predisposte per la fattiva collaborazione con i navigatori di internet.

Informazioni
info@rivistaps.it – cell. 3338933842.