Imola. Ancora pochi giorni poi entrerà nel vivo il campo di lavoro e formazione missionaria che avrà come scenario il convento dei frati Cappuccini di via Villa Clelia 16 e che per la prima volta si avvarrà del patrocinio Città di Imola, riconosciuto ufficialmente dall’Amministrazione comunale. Dal 21 agosto è previsto l’arrivo dei partecipanti, mentre da martedì 23 agosto, ore 15, vi sarà l’apertura al pubblico del mercatino missionario dell’usato che sarà visitabile fino al 3 settembre tutti i pomeriggi dal lunedì al sabato, dalle 15 alle 18.30. Il sabato il mercatino sarà aperto anche la mattina dalle 10 alle 12, chiuso la domenica. Quest’anno vi sarà una chiusura anche nel pomeriggio di mercoledì 31 agosto, quando il Campo si “presenterà” alla città con un pomeriggio-sera di animazione nella piazzetta dell’Ulivo, con canti, pensieri, giochi e omaggi originali per tutti coloro che parteciperanno.
Lo scopo del Campo, intitolato “Aggiungi un posto a scuola”, è la raccolta di fondi per costruire l’Asilo di Bossa, nel Dawro Konta, una regione delimitata dal fiume Omo nel sud dell’Etiopia in cui operano i missionari Cappuccini dell’Emilia-Romagna. Già nel 2009 la raccolta ha permesso di realizzare un asilo nel villaggio di Tarcia, mentre nel 2010 è stato possibile portare a termine un dispensario iniziato con il Campo del 2008.
Durante l’intero periodo di apertura del Mercatino sarà possibile continuare a offrire oggetti adatti alla vendita, portandoli direttamente alla sede del Campo, presso il convento dei Cappuccini, oppure, nel caso di grandi quantità o di oggetti molto voluminosi, telefonando allo 0542/40265 per richiedere direttamente l’intervento di uno dei mezzi a disposizione dei volontari per il trasporto.
Nell’edizione del 2010 il totale dei volontari che hanno aiutato il Campo – donando poche ore o lavorando per l’intera durata dell’iniziativa, non importa – ha raggiunto le 278 unità, di cui 16 provenienti dall’estero, alcuni dei quali presenti ormai da anni, nonostante il viaggio sia totalmente a loro carico, per offrire un aiuto importante. Per questo prossimo appuntamento, grazie alla collaborazione con il Servizio civile internazionale, saranno presenti 7 nuovi volontari stranieri, provenienti da Spagna, Serbia, Polonia e Russia, oltre ai tanti che ritorneranno – giovani e adulti, senza distinzioni – dopo avere già fatto l’esperienza negli anni scorsi. Tra loro la simpatica e vitale Susanna di Berna, capace di sopportare la confusione dell’intero Campo sempre con il sorriso sulle labbra, nonostante le oltre ottanta primavere. Al campo di lavoro vengono garantiti vitto e alloggio gratuito, sono unicamente necessari indumenti ed effetti personali, sacco a pelo o lenzuola e tanta voglia di lavorare sodo.
L’invito a collaborare è esteso a tutti: la solidarietà che caratterizza il Campo di lavoro non fa distinzioni tra chi ha o non ha fede. La solidarietà e la fraternità, sono una necessità per tutti, da imparare e da praticare anche nel confronto tra le diversità di pensiero, di fede o del luogo di origine.

Convento Cappuccini – Via Villa Clelia 16, Imola – Tel. 0542/40265 – fraticappuccini@imolanet.comwww.centromissionario.it.