Medicina. Sono stati 13.000 gli spettatori che hanno partecipato alla due giorni dalla “Rievocazione storica del Barbarossa” di sabato 17 e domenica 18 settembre. Nonostante il maltempo che ha caratterizzato la seconda giornata, i festeggiamenti si sono svolti regolarmente, così come il “Palio della serpe”, andato agli atleti della Torre dell’Uva. Un grande successo anche per la cena medioevale “Convivium de lo fuoco”, per la prima volta nella suggestiva ambientazione della chiesa del Carmine. Molto seguita, inoltre, la conferenza tenuta dal professore tedesco Kai-Michael Sprenger, dell’Istituto storico germanico di Roma, che ha raccontato le gesta del Barbarossa, svelando risvolti ancora sconosciuti dell’imperatore tanto amato dai medicinesi.