Imola. “Sinistra ecologia e libertà”, nonostante i tempi stretti, è riuscita  a raccogliere, nel circondario imolese, più di 1.000 firme contro il “Porcellum”, dato “che mette l'accento sulla maturità democratica e sottolinea la volontà di cambiamento dei cittadini – sottolinea Francesco Chiaiese, coordinatore del circolo imolese -. Anche gli iscritti del Pd hanno avvertito la necessità di esporsi chiaramente nel merito, nonostante che il loro partito non abbia aderito al Comitato referendario nazionale. A suggello della ‘bontà dell'iniziativa’, la firma del professor Renato Zangheri, sabato 24 settembre a Imola”.