Madrid. Dopo un lungo trasferimento in autobus, cominciato poco dopo le 8 del mattino e terminato quasi alle 15, il gruppo dei “premiati” di Experiment ha raggiunto i Paesi Baschi per cominciare la visita al distretto cooperativo di Mondragon. Nel pomeriggio di martedì 27 settembre, il secondo giorno di viaggio, i ragazzi hanno incontrato Mikel Lezamiz, che lavora ai servizi centrali di Mondragon corporacion cooperativa (Mcc). Lezamiz ha illustrato l’attività del gruppo, che comprende 120 cooperative che danno lavoro a oltre 100 mila lavoratori. Ciò che caratterizza Mcc è la forte intercooperazione (sia riguardo le liquidità, sia le risorse umane) tra le varie cooperative, tale che, in caso di difficoltà finanziarie, i lavoratori in eccesso vengono ri-distribuiti tra le altre cooperative. Il risultato netto annuo è diminuito molto negli ultimi anni per via della crisi, pur rimanendo in attivo (da 700 milioni nel 2007 a 61 nel 2009), fino a ricominciare la salita nel 2010 e nel 2011 (oltre 100 milioni di attivo nel 2010).
Una grande sfida, come ha confermato lo stesso Lezamiz, è cercare di mantenere gli stessi valori che caratterizzano le cooperative anche in anni in cui le dimensioni del gruppo sono in costante aumento (si è passati in dieci anni da poco più di 50 mila lavoratori coinvolti nel 2001 a 100 mila).
La prima “infarinatura” ha interessato i ragazzi, che poi hanno raggiunto Bilbao per passare la serata (con passeggiata davanti al museo Guggenheim) e la notte, prima di tornare a Mondragon nella mattinata di mercoledì per visitare alcune delle cooperative di Mcc.