Ravenna. I Giovani democratici hanno indetto per ieri pomeriggio 10 ottobre 2011, in piazza del Popolo dalle 17.30, un presidio contro il decreto legge sulle intercettazioni; il sindaco Fabrizio Matteucci ha aderito alla manifestazione. “Il Presidente del Consiglio – commenta il sindaco – continua nella sua ostinazione ossessiva di volere imbavagliare la stampa e privare la magistratura di un fondamentale strumento d’indagine. Si tratta di un fatto gravissimo che priva i cittadini del loro diritto di essere informati e mina la loro sicurezza impedendo ai magistrati di fare fino in fondo il loro lavoro. Nel luglio dell’anno scorso raccogliemmo, in poche ore, 2.300 firme di ravennati in calce ad una petizione contro la legge bavaglio promossa da me e dalla Giunta comunale. Oggi partecipo al presidio promosso dai Giovani democratici perché è importante che la mobilitazione vada avanti e che i cittadini, anche attraverso iniziative come questa, continuino a fare sentire la loro voce, a fare valere il loro diritto all’informazione che è sancito dalla nostra Costituzione”.