Imola. Il Comune di Imola ha fatto affiggere una targa nelle sale della scuola media “Valsalva” per ringraziare la Fondazione Cassa di Risparmio che nell’estate del 2011 ha finanziato interamente, per un importo di circa 100.000 euro, i lavori di bonifica dall’amianto e di rifacimento del tetto della scuola. Giovedì 13 ottobre 2011 alle ore 10.30 si è svolta la cerimonia alla presenza degli assessori alla Scuola e ai Lavori pubblici Marco Raccagna e Raffaella Salieri, del presidente della Fondazione Cassa di Risparmio, Sergio Santi e del consigliere Giuseppe Balducci, del dirigente dell’Istituto comprensivo 4 Enrico Michelini e di una folta rappresentanza di studenti e docenti.

“Il lavoro finanziato dalla Fondazione è importantissimo – hanno dichiarato i due assessori – perché bonifica dall’amianto l’ultimo tetto di una scuola imolese che ancora lo conteneva. Inoltre, se ce ne fosse stato bisogno, è ancora una volta il segnale di come in tempo di crisi si debba agire nell’interesse generale e cioè in una collaborazione fortissima e con comunanza di obiettivi con i massimi protagonisti economici ed imprenditoriali della città. Senza mescolare i ruoli, evitando inutili sovrapposizioni, ma invece dandosi una mano per fare semplicemente il bene di Imola ed in particolare della scuola imolese, che per tutti noi è il pilastro fondamentale su cui costruire l’Imola che verrà. Permetteteci infine di ringraziare la Coop. Ceramica – concludono Salieri e Raccagna – che ha offerto la targa in oggetto e di evidenziare che oggi il perimetro delle 'Valsalva' è interamente circondato da una rete metallica e recinzioni, frutto anche questo di un intervento che abbiamo fatto in questi ultimi giorni con i proventi delle sponsorizzazioni dei pulmini scolastici. Intervento che va incontro ad una richiesta che già da tempo la scuola e le famiglie facevano all’Amministrazione Comunale e che non avevamo potuto fin qui fare per i famosi limiti alla spesa comunale imposti dal governo. Insomma un altro segnale che la nostra attenzione sulla scuola e sull’edilizia scolastica continua ad essere costante”.