Imola. Un circondario imolese con meno risorse. Per i Comuni dell’imolese nel 2011 mancheranno a bilancio 3.564.845 milioni di euro. A tanto ammontano i tagli statali secondo i calcoli del Centro studi Sintesi per l’Osservatorio Assimprese, che ha esaminato i dati dei trasferimenti erariali ai Comuni della provincia di Bologna che superano i 20.000 abitanti e alle altre province emiliano-romagnole. Il taglio più importante tocca a Imola, che riceverà 2,7 milioni in meno del 2010, pari a 39 euro per abitante, cioè il 14,3% in meno, un dato peggiore anche di quelli di città vicine e per molti versi assimilabili, come Faenza e Lugo. A cavarsela meglio di tutti, nel circondario imolese, saranno Castel Guelfo (-2.730 euro, pari a un euro pro capite, cioè lo 0,4% in meno) e Mordano (-5.519 euro, pari a un euro pro capite, cioè lo 0,8% in meno).

Lo studio tiene conto dei tagli stabiliti dal decreto 78/2010 che, in particolare, disciplinava per i comuni con popolazione superiore ai 5.000 abitanti, la dimensione della riduzione dei trasferimenti statali a valere dagli anni 2011 e successivi. Si tratta di un ridimensionamento che su tutto il territorio nazionale vale 1,5 miliardi di euro nel 2011 e 2,5 miliardi di euro dal 2012 in poi. Gli interventi definiti nelle due manovre correttive della scorsa estate (Dl. 98 e Dl. 138) non dispongono un taglio dei trasferimenti bensì prevedono una stretta sugli obiettivi del Patto di stabilità interno (che il singolo comune può rispettare attraverso un aumento dell'entrate e/o una riduzione delle spese) e per questo motivo non sono stati considerati nell’elaborazione. Lo studio è dunque di un ipotesi di minima, alla quale si dovranno aggiungere inevitabili, ulteriori, correzioni.  

“I tagli alle amministrazioni comunali – commenta Amilcare Renzi, Segretario di Confartigianato Assimprese – bloccano gli investimenti soprattutto in infrastrutture e manutenzioni, e ricadono negativamente sul sistema delle imprese, aggravando una situazione già molto difficile, soprattutto per il comparto dell’edilizia, che sappiamo essere determinante per lo sviluppo e per l’occupazione. I Comuni si trovano oggi a fare i salti mortali, avendo molte meno risorse di un tempo per gestire e conservare un grande patrimonio di infrastrutture e di immobili che è di tutti. Per questo noi cittadini, le famiglie, la scuola, dobbiamo fare la nostra parte, dando esempio alle nuove generazioni di un rinnovato senso civico e di una concezione più partecipativa ed etica del bene pubblico”.

La mancanza di risorse può essere compensata almeno in parte con una strategia di rilancio del territorio, che consenta di attrarre risorse dall’esterno. “Valorizziamo gli eventi e le eccellenze che  già abbiamo, che possono portare presenze, sia per spettacoli sia per iniziative legate al business. Anche in questo caso il mondo delle nostre imprese, che fino ad oggi è stato meno coinvolto nelle attività di promozione territoriale, potrebbe trovare delle modalità per sostenere chi, da anni, opera i questo settore e che oggi si trova con risorse inadeguate. Dobbiamo mettere in moto un sistema virtuoso in cui da un lato le imprese potranno aiutare la promozione territoriale, dall’altro gli eventi dovranno avere una ricaduta positiva sul sistema delle imprese locali, che potrebbero essere la prima scelta fra i fornitori degli eventi. Ad esempio – precisa Renzi – si potrebbe stabilire una sorta di “rating locale” delle imprese del terziario, al fine di incentivare quelle che più stanno investendo in qualità e affidabilità, pensando al futuro”.

Il marketing territoriale, non solo turistico, è un tema più volte sostenuto da Confartigianato: “Associazioni come la nostra devono promuovere e facilitare la messa in rete di piccole e medie imprese. Pensiamo a reti che abbiamo come comune denominatore lavorazioni e prodotti particolari, delle piccole filiere di eccellenza da promuovere ai grandi gruppi industriali. Aggregazioni di piccole imprese della meccanica, ad esempio, potrebbero raggiungere quella necessaria massa critica per partecipare a fiere o a gare a livello nazionale e internazionale. Il nostro – afferma Renzi – è un territorio in cui la qualità della vita è ancora ai massimi livelli, come ci conferma il nostro Centro studi, ed ha una grande tradizione meccanica e motoristica, oltre a una posizione geografica ideale. Sono questi punti di forza da valorizzare fin da oggi, attraverso politiche adeguate in termini di incentivi urbanistici o sgravi tariffari, al fine di affermare il nostro ambiente come l’ideale per accogliere e sviluppare nuovi insediamenti produttivi di qualità o innovativi”.