Imola. 3.300 ragazzi, 238 progetti imprenditoriali, tutte idee frutto del punto di vista dei giovani sulla realtà locale e sull’individuazione delle carenze a loro giudizio da colmare. Questi in sintesi i numeri delle dieci edizioni di Experiment. Martedì 25 ottobre, nella sala “Sandro Pertini”, messa a disposizione dalla cooperativa 3 elle, strapiena è stata presentata l’edizione 2011 – 2012 del progetto di Legacoop che ha l’obiettivo di promuovere i principi, i valori e la cultura propri dell’impresa cooperativa verso il mondo dei giovani. Experiment, infatti, coinvolge le quarte classi delle scuole superiori del circondario imolese.
Ma la “Giornata della promozione cooperativa” del 25 ottobre è stata anche l’occasione per fare il punto sulle dieci edizioni passate, per snocciolare un po’ di numeri sull’occupazione e sulle opportunità che il mondo cooperativo offre, nonché per ascoltare i progetti dell’edizione 2010 – 2011 dalla viva voce dei protagonisti, ovvero gli studenti che hanno aderito.
Inoltre è stato proiettato un video che ripercorre le tappe principali del progetto e per la prima volta è stato anche documentato il viaggio di studio (che come nelle passate edizioni, rappresenta il premio finale per i vincitori di Experiment) a Madrid ed all’importante realtà cooperativa di Mondragon, nei Paesi Baschi.

A supporto dell’attività di promozione, Legacoop Imola ha predisposto un “Manuale per nuove cooperative” quale guida operativa, semplice ma completa, di introduzione alla conoscenza dell’impresa cooperativa e di accompagnamento per chi intendesse avviare una concreta esperienza. Pensato non solo per esperti, ma anche per persone che intendono cercare risposte al loro desiderio di conoscenza della realtà cooperativa. Come ogni manuale, anche quello che abbiamo predisposto, può essere letto dall’inizio alla fine, oppure può essere velocemente consultato per singole sezioni, come le voci di un dizionario, questo per dare modo all’aspirante cooperatore di farsi un’idea complessiva dell’operazione, sia per rileggere di volta in volta le tappe del percorso o singole parti di approfondimento.
Nel manuale poi sono riportati e descritti i servizi di assistenza che Legacoop Imola eroga alle aderenti ed agli aspiranti cooperatori ed i principali strumenti di sistema che Legacoop mette a disposizione per sostenere concretamente la promozione e lo sviluppo di nuove cooperative.
Experiment è una iniziativa, giunta alla XIª edizione, di “Promozione e qualificazione del territorio Imolese”, promossa e realizzata da Legacoop Imola ed avente l’obiettivo di fare maggiormente dialogare ed integrare il mondo della scuola ed il mondo dell’impresa e di fare cimentare i giovani, adeguatamente supportati attraverso percorsi di carattere formativo, nella individuazione di una idea imprenditoriale e nella creazione di una “virtuale” impresa cooperativa.
Le finalità del progetto Experiment sono quelle di proporre e far conoscere ai giovani un modello di impresa, come quello cooperativo, che coniuga valore, valori, etica, socialità ed integrazione.
Un modello alternativo a quello delle società di lucro, spesso vincenti nella quotidianità, ma ugualmente in grado di competere con le altre delle quali la grave crisi economica in atto, ha mostrato tutta la fragilità.
Attraverso questo progetto vengono direttamente coinvolti tutti gli Istituti scolastici superiori presenti nel Circondario imolese, i docenti, gli alunni, le loro famiglie, le Imprese.
Con “Experiment” Legacoop Imola intende valorizzare le potenzialità e gli interessi degli alunni coinvolti; arricchire il sistema scolastico della conoscenza del mondo imprenditoriale e delle sue problematiche; valorizzare le competenze e le professionalità del nostro sistema scolastico ed economico; sensibilizzare i giovani al tema della creazione d’impresa e, in particolar modo, dell’impresa cooperativa.

Le idee emerse hanno portato ad individuare alcuni filoni tematici che denotano la crescente attenzione ai servizi a sostegno dei soggetti più deboli della società (bambini, persone diversamente abili ed anziani), ma anche ai sistemi per la salvaguardia dell'ambiente, alle energie rinnovabili, all’innovazione tecnologica ed alla necessità di occasioni di socializzazione per i giovani stessi.
In definitiva questi giovani tendono ad evidenziare quello che, ai loro occhi, manca nella nostra realtà, in termini di servizi, di prospettive di lavoro, ma anche di momenti e situazioni di svago e/o divertimento. Suggerimenti ed indicazioni particolarmente utili, per chi si sta occupando della “cosa pubblica” e/o per chi sta ricoprendo posizioni di rilievo nella comunità.