Imola. “Tracce di Sport”, un’iniziativa nata da un’idea di Andrea Zorzi, acclamato campione di pallavolo degli anni ’90 ed ora commentatore televisivo e giornalista, e di Elena Donaggio, ricercatrice Irs, si concluderà sabato 19 novembre 2011 con la tappa conclusiva all’autodromo Enzo e Dino Ferrari. Lo scopo dell’iniziativa è quello di guardare allo sport dalla duplice prospettiva dello sportivo e del ricercatore. Un viaggio su e giù per l’Italia per far conoscere quella faccia dello sport che in televisione non fa notizia ma che coinvolge decine di migliaia di persone appassionate e competenti.
Nel 2010 l’iniziativa, ha avuto principalmente valore esplorativo; quest’anno, con il patrocinio del Coni, il viaggio, della durata di 60 giorni, ha avuto come obiettivo di incontrare i ragazzi delle scuole superiori; di sensibilizzare le istituzioni locali e discutere con loro delle potenzialità dello sport; e di trovare e raccontare, nel 150° dell’Unità, i luoghi dello sport che hanno fatto l’Italia.
L’autodromo di Imola è stato scelto per concludere questa iniziativa e nella giornata appunto di sabato Andrea Zorzi sarà ad Imola a raccontare cosa ha rappresentato l’Enzo e Dino Ferrari nella storia dello sport italiano. Per narrarlo, la troupe di “Tracce di Sport” realizzerà interviste e riprese televisive e nella giornata sarà presente anche il dott. Claudio Costa, memoria storica dell’Autodromo. I contributi filmati verranno mandati in onda su Rainews e saranno oggetto di collegamenti con Radio 24. Anche la carta stampata segue l’iniziativa, con la Gazzetta dello Sport che ha pubblicato articoli nelle sue pagine.