Imola. Cent’anni di vita sono tanti, ma quello che il circolo Silvio Pellico ha lasciato nei ricordi di tante persone e nella realtà sociale imolese è ancora molto attuale e presente. Molti di noi sono passati dai suoi spazi per giocare, incontrare amici e per studiare.
Il 19 novembre, all’Osservanza, è stato presentato in un clima di festa il libro “Il Circolo giovanile Silvio Pellico dell’Azione Cattolica di Imola”. Il sindaco Daniele Manca ha ribadito il valore primario dell’attenzione della comunità all’educazione  dei giovani e il vicario mons. Signani ha sottolineato l’importanza di una fede dinamica in grado di parlare al mondo che cambia mentre. Nel suo saluto ai convenuti, il prof. Pirazzoli ha ricordato i suoi spensierati giochi nel cortile di palazzo Monsignani, che accoglieva ad Imola chiunque avesse voglia di tirare “quattro calci” ad un pallone. E poiché frequentare il Circolo è stata esperienza comune per diverse generazioni, il prof. Pirazzoli ha suggerito l’iniziativa di inserire la presentazione del libro nel Baccanale, in dimensione culturale di più ampio raggio.
I quattro autori Nerino Arcangeli, Laura Pantaleoni, Berenice Piccione, Marilena Spadoni e il presidente del Circolo don Emilio Moretti hanno raccontato episodi significativi dalla vita del Silvio Pellico, attraverso immagini (foto e documenti) e per i presenti è stata una piacevole sorpresa riconoscere volti familiari  o rievocare  eventi già vissuti.
Questa pubblicazione ha avuto lo scopo di legare i ricordi dei presenti in un unico intreccio e ha voluto mettere in evidenza come il Circolo sia stato l’esito dell’intelligente e generoso apporto di assistenti e giovani laici, di tutti coloro che con impegno generoso ma anche con semplice interesse ludico hanno frequentato le sale di palazzo Monsignani. L’opera di don Bughetti, anche con mutata fisionomia, ha varcato il secolo di vita perché la sua proposta educativa è stata semplice ma sempre efficace: formare buoni cristiani, buoni cittadini e giovani capaci di divertirsi “onestamente”.
La sala Gardi dell’Osservanza, fino al 4 dicembre, ospiterà la mostra sul circolo Silvio Pellico. E’ visitabile sabato e domenica dalle 16 alle 19. sarà possibile guardando le immagini ripercorrere questi cento anni di vita in pochi metri, per prendere visione della straordinaria energia delle generazioni cattoliche, e non solo, cresciute a palazzo Monsignani.