Imola. “Percorsi di Inclusione dopo la lesione spinale” è il tema dell’iniziativa organizzata dall’ospedale di riabilitazione di Montecatone. L’appuntamento è per giovedì 1 dicembre 2011, nell’aula magna di Palazzo Vespignani (via Giuseppe Garibaldi 24), in occasione della “Giornata internazionale sui diritti della persona con disabilità”.
Il seminario ha l'obiettivo di presentare i risultati del progetto “Inclusione” realizzato nel 2011 dall'ospedale di Montecatone, con il finanziamento dell'assessorato regionale Emilia Romagna per Scuola, Formazione professionale, Università e Ricerca, Lavoro.
Il progetto “Inclusione” si è articolato in 3 linee fondamentali di azione, con l'obiettivo di facilitare il ritorno ad una vita attiva per le persone che hanno subito una lesione spinale: l'utilizzo di linguaggi innovativi di dialogo tra Ospedale e territorio, in modo che i servizi locali possano collaborare con gli operatori dell'Ospedale e preparare al meglio il ritorno a casa; percorsi per rinforzare la capacità delle persone di riprogettare la loro vita tenendo in considerazione la disabilità acquisita; forme di accompagnamento diretto della persona nella fase post dimissione. Sono stati coinvolti oltre 50 pazienti emiliano-romagnoli nella prima linea di azione; quasi 30 pazienti da tutta Italia nella seconda; oltre 30 pazienti emiliano-romagnoli nella terza.  Nel corso del seminario gli operatori di Montecatone approfondiranno, per ciascuna linea, i risultati raggiunti e i possibili percorsi di miglioramento.

PROGRAMMA
Ore 9: Benvenuto
Paolo Pillastrini (presidente corso di laurea in Fisioterapia Università di Bologna)
PatriziaTassinari (referente accademica sede didattica di Palazzo Vespignani)
Giovanni Bissoni (presidente Ospedale di Montecatone)   

PRIMA PARTE: presiede i lavori Roberto Pederzini (direttore sanitario Ospedale di Montecatone)
Ore 9.20: Regione Emilia Romagna: impegni per favorire la vita attiva delle persone con disabilità acquisita – Serenella Sandri (assessorato regionale Emilia Romagna per Scuola, Formazione professionale, Università e Ricerca, Lavoro)
Ore 9.35 Il progetto “Inclusione”: una storia di relazioni tra Unità Spinale e territorio – Orianna Monti (direttore Progetto Inclusione, Ospedale di Montecatone); Claudia Corsolini (coord. Progetto Inclusione, Ospedale di Montecatone)

Ore 10 SECONDA PARTE – presiede i lavori Marsilio Saccavini (primario Unità spinale Montecatone)
Progetto Inclusione: un anno di attività – Icf come linguaggio per il dialogo tra Ospedale e territorio Sandra China (Medico Fisiatra), Paola Paglierani (case manager riabilitativo), Susanna Antolini (case manager infermieristico) – Unità Spinale di Montecatone
Bilancio di competenze: percorso di empowerment Norma Mazzoli e Flora Morara (psicologhe), Anna Neri (assitente sociale), Massimo Renzi (educatore professionale) – Unità Spinale di Montecatone
Supporto alla pari: una rete per il “dopo Unità Spinale” Angelo Dall’Ara (coop. Anna Guglielmi)
Percorsi guidati dopo la dimissione: luci ed ombre Federica Bartoletti (Enaip Rimini)

Ore 11.30: L’interpretazione dei protagonisti
Vincenzo Falabella (presidente Faip (Federazione associazioni italiane para e tetraplegici)
Ore 12: dibattito
Ore 13: Conclusioni
Augusto Cavina (direttore generale Ospedale di Montecatone)

TERZA PARTE – In aula informatica, su prenotazione
Ore 14 – 16 laboratorio per accesso guidato alla Piattaforma informatica “Inclusione”
Claudia Corsolini (coord. Progetto Inclusione)
Andrea Frascari (cooperativa Anastasis)