Il patrimonio regionale di cultura e attrazione conquista il mercato tecnologico, consentendo agli utenti di usufruire di una applicazione gratuita per smartphone. Si scarica direttamente sul proprio smartphone nel sito web e si sapranno orari dei musei e dei luoghi storici, eventi, hotel e pacchetti soggiorno. Il servizio nasce dallo sforzo collettivo di tutti i soci pubblici e privati dell’Unione di prodotto delle Città d'Arte dell'Emilia Romagna, sotto l'ala di Apt Servizi. L’applicazione segnala i punti d’interesse culturale vicino al turista: basterà regolare a che raggio di distanza si vuole effettuare la ricerca oppure indicare semplicemente la provincia prescelta. In tutti i casi c’è anche il filtro “consigliati dalla redazione”, con le indicazioni suggerite da una rete di esperti presenti sul territorio. La guida digitale contiene oltre quattromila punti di interesse, fra i quali monumenti, musei, siti Unesco, aree archeologiche, luoghi della Motor Valley, teatri, castelli e dimore storiche. Ci sono anche hotel, eventi e offerte vacanza. Presto sarà possibile prenotare e pagare direttamente da smartphone per gli hotel aderenti al portale regionale di booking online. “Da tempo le Città d'Arte dell'Emilia Romagna – sottolinea Graziano Prantoni, presidente dell’Unione di prodotto città d'arte, cultura e affari dell’Emilia Romagna – percorrono la via dell'innovazione. Siamo già sui principali social network, da Facebook a Twitter. Ora con questa app mobile cogliamo un nuovo segmento di mercato più giovane e dinamico”. Andrea Babbi, amministratore delegato di Apt servizi Emilia Romagna aggiunge che “questo è un ulteriore segno dell' evoluzione tecnologica in campo turistico che la nostra regione dimostra e le nostre città d'arte sono il primo prodotto turistico a declinarsi nella versione di app mobile. Presto seguiranno anche gli altri prodotti turistici del territorio: dalla riviera alle terme, passando per l’appennino bianco e verde”.