Imola. “Sandali per le strade del lavoro e dell’evangelizzazione” è il tema di una iniziativa pubblica organizzata dalla redazione di “Messaggero Cappuccino” per lunedì 5 dicembre 2011, ore 20.45, nel cinema Cappuccini (via Villa Clelia 12). Sarà presente padre Maurizio Annoni, direttore dell’Opera San Francesco di Milano. L’incontro vuole richiamare l’importante impegno dei Cappuccini nelle attività caritative, in occasione del 50° di professione religiosa di fr. Vittore Casalboni, responsabile della raccolta di oggetti usati per il Mercatino nel Convento di Imola, l’8 dicembre.
L’attività dell’Osf di Milano è conosciuta a livello nazionale. Ufficialmente l’Opera è nata il 20 dicembre 1959, quando l’allora Vescovo di Milano, il cardinale Montini, poi divenuto Paolo VI, inaugurò i locali della mensa voluta da fra Cecilio, frate cappuccino portinaio del convento di viale Piave, e finanziati dal dottor Emilio Grignani, un industriale milanese. Oggi ogni giorno, nel cuore di Milano, la realtà dell’Opera san Francesco, grazie all’impegno di 600 volontari: distribuisce 2500 pasti, offre 250 ingressi alle docce, offre 40 cambi di abito, assiste, cura e sostiene con farmaci circa 140 persone, accoglie e ascolta oltre 2000 poveri. Viste nell’arco di un anno sono dimensioni incredibili: oltre 700.000 pasti, 33.000 visite mediche, 100.000 capi di vestiario disrtibuiti, 17 piccoli appartamenti utilizzati per accoglienze temporanee.