Imola. Da pochi giorni si sono concluse le procedure per il rinnovo delle Rsu nei due stabilimenti dell'Elettronica Santerno presenti a Imola e Castel Guelfo. Dei 205 lavoratori aventi diritto hanno votato in 149 (73%) con 141 voti validi. Il risultato complessivo ha premiato la lista Fiom Cgil che ha ottenuto 125 voti (pari all'88,65%) eleggendo 4 delegati. La lista Fim-Cisl ha ottenuto 16 voti (11,35%) eleggendo 1 delegato.
“Questo risultato conferma il nostro radicamento sindacale nel settore metalmeccanico e l'elezione di giovani delegati (hanno un'età media di 26 anni) rafforza la rappresentanza anche tra le giovani generazioni – commenta Stefano Pedini segretario della Fiom-Cgil-. L'alta partecipazione al voto conferma il valore della democrazia sindacale ed è tanto più importante per la fase critica che sta vivendo questa importante realtà produttiva. La prima responsabilità che questo risultato ci consegna, insieme alle neo elette Rsu, è l'affrontare i prossimi mesi nei quali, a rotazione, tutti i lavoratori saranno coinvolti dalla cassa integrazione ordinaria. Ammortizzatore oggi necessario per effetto di un mercato come quello italiano, in difficoltà per la crisi di credito e i tagli agli incentivi nel settore delle energie alternative dove Elettronica Santerno è un leader indiscusso”.