Bologna. Sono circa 37 i milioni di euro che la Regione Emilia Romagna ha stanziato per sostenere gli ammortizzatori in deroga. Si tratta del sesta intervento in questo 2011 per aiutare le imprese in difficoltà. Queste risorse verranno utilizzate “per garantire continuità nella protezione del reddito” per i lavoratori licenziati o in cassa integrazione per effetto della crisi economica. In totale, sono pervenute alla Regione 1.427 domande, che riguardano 9.336 lavoratori. Quest’anno la Regione aveva, in altre cinque occasioni, concesso finanziamenti alle imprese: la prima tranche è arrivata a marzo, per oltre 85 milioni di euro; la seconda a maggio, per altri 84,6 milioni; la terza a giugno, per 21,7 milioni di euro; la quarta risale a luglio, per circa 47 milioni; la quinta tranche, infine, è di ottobre e ammonta a 38 milioni di euro.
“Apprezziamo lo stanziamento di ammortizzatori sociali da parte della Regione – ha commentato il segretario di Confartigianato / Assimprese Amilcare Renzi -, ma auspichiamo che da viale Aldo Moro si continui anche a sostenere fortemente i consorzi di garanzia, che aiutano le imprese  in questo difficile momento di ristrettezza creditizia. Col sostegno alle imprese, infatti, si prevengono criticità e si fa un minor ricorso alle risorse riservate agli ammortizzatori sociali”.