Imola. “Nel nome di Matteo, Alessia e Chiara” vi aspettiamo sabato 17 dicembre, ore 16, in piazza Gramsci 21 (secondo piano). E’ questo l’invito che Gabriella Pirazzini, Franca Berti, Cristina e Bruno Bagnaresi porgono alla cittadinanza per presentare la Fondazione Matteo Bagnaresi. “Una intuizione, un desiderio tra la memoria e il fare, tra il ricordo e l’avvenire: questa è la strada intrapresa dalla Fondazione Matteo Bagnaresi onlus e questo è anche il motivo della sua ricchezza! La capacità di crescere, seminare, moltiplicarsi, ma senza dimenticare il principio fondatore”. Ua Fondazione che vuole “unire il nome e i valori di Matteo a quelli di altri ragazzi che come lui hanno vissuto pienamente ma abbandonato questa vita tanto presto”.
La Fondazione ha ottenuto dal Comune di Imola due locali in cui verrà avviata la stessa esperienza collaudata a Parma già da due anni. Un dopo scuola gratuito per ragazzi delle medie inferiori. L’indirizzo: piazza Gramsci 21 (sotto al centro cittadino). Il nome: “sezione Alessia e Chiara”. In un gemellaggio ideale tra Parma e Imola, ma soprattutto in un lavoro concreto e simile nelle due città, l’avventura continua. “La collaborazione è stata avviata con la scuola secondaria di primo grado Innocenzo da Imola, attraverso i dirigenti scolastici e tanta disponibilità. Questo perché le segnalazioni abbiano un carattere oggettivo e ci possa essere un monitoraggio delle attività in grado  davvero di favorire le capacità conoscitive dei ragazzi, ma in qualche modo anche una crescita più complessiva. Anche per questo i progetti saranno diversificati: il dopo scuola  in primis, ma anche una didattica a 360 gradi con attività collaterali in grado di raccogliere e di esprimere singole capacità, conoscenze, abilità e professioni.  Le attività inizieranno col secondo quadrimestre scolastico, ma abbiamo il desiderio di condividere con la città questa esperienza, in un pomeriggio insieme, con i rappresentanti dell’istituzione comunale, i dirigenti scolastici, i volontari, gli amici”.