Ravenna. Il 27 gennaio 2012 si terrà a Roma una manifestazione/sciopero dei sindacati di base contro il governo Monti. Il 16 dicembre 2011 è stata siglata l’ipotesi d’intesa tra le centrali cooperative e cgil-cisl-uil per il rinnovo del Contratto Nazionale di Lavoro per i lavoratori delle Cooperative Sociali. Secondo i Cobas invece che andare verso la parificazione normativa e salariale con i contratti del pubblico impiego, “cgil-cisl-uil ci hanno rifilato un pacco natalizio che peggiora le condizioni di lavoro e che penalizza i nostri salari mentre continua a negare il diritto all'elezione dei delegati (a Ravenna le uniche elezioni si sono tenute nel '92 e mai più svolte per ogni rinnovo contrattuale)”. L'accordo prevede l'aumento in busta paga di 70€ in tre scaglioni, spalmati in 15 mesi per il livello C1 (ex 4° livello, è il livello di inquadramento per oss con qualifica), con ultima tranche ad aprile 2013; introduzione dell'apprendistato, modificato secondo le direttive del ministro Sacconi del precedente governo “che, per l'apprendistato professionalizzante ad esempio, si tradurrà in sgravi contributivi per le aziende-coop e nessuna formazione per i lavoratori, cioè ancora lavoro gratis per i giovani”; Introduzione dell'assistenza sanitaria integrativa con un costo per la cooperativa di 5 euro mensili a socio. “Deroghe al contratto nazionale –continuano gli autorganizzati- e rafforzamento del contratto di secondo livello rafforza il potere di cgil-cisl-uil provinciali: quindi sempre più contratti precari atipici (a termine, a chiamata, a tirocinio, a collaborazione) che questi sindacalisti non hanno mai contrastato, anzi, portando notevoli profitti nelle casse delle aziende-coop a scapito dei lavoratori”. Per info Slai cobas per il sindacato di coop sociali Ravenna tel. 339/8911853. (E.A.)