Bologna. La vicenda dell’azienda di apparecchiature elettrodentali di San Lazzaro, l’Eurodent, che dal marzo dello scorso anno non pagò gli stipendi dei lavoratori per mesi, per poi fallire in agosto, registra un primo passo positivo. Infatti nel corso dell’udienza del Tribunale di Bologna, il magistrato ha dichiarato che l’azienda deve corrispondere per intero gli stipendi ai 65 lavoratori. Un primo risultato della lotta sindacale, sostenuta a livello giudiziario dalla società Teorema, legata alla Cgil. Sarà ora il Curatore fallimentare, che da alcuni mesi sta gestendo l’azienda con una decina di lavoratori, a decidere i tempi e le modalità di pagamento. Intanto si profila l’ipotesi di un asta dell’azienda, alla quale potrebbero partecipare alcuni acquirenti.