Ravenna. Ottima prova degli sciabolatori della Sigea Imola nella prima prova di qualificazione nazionale assoluti. Per la spada maschile, 251 atleti in pedana. Il migliore degli imolesi è stato Matteo Capozzi, che inizia con un buon girone in cui mette a segno quattro vittorie accedendo senza problemi alle eliminazioni dirette. Nella seconda diretta vince agevolmente contro Jacopo Rutigliano (Vercelli). Poi per entrare nei 32 si trova in pedana con Giacomo Falcini (Chiavari), atleta di alto livello, terzo classificato agli ultimi Assoluti. Grande prova di carattere per l’imolese Capozzi, che lotta fino all’ultimo, mettendo in difficoltà lo spadista di Chiavari, che si aggiudica però il match per 15-14.
“Buona prova di Matteo che si classifica tra i primi 60 – commenta il tecnico Michele Mazzetti -. La diretta contro Falcini non era facile, ma Matteo è stato bravo a mantenere la calma e anche se non ha portato a casa il match, ha dimostrato di avere carattere e grinta”.
Sorprende il cadetto della Sigea Dario Dall’Osso, che inizia la prova con un girone tosto, che vede tra gli avversari anche il campione Matteo Tagliariol. Con due vittorie accede alle dirette, dove incontra subito uno tra i cadetti più forti, Bernardo Crecchi (Siena), che si aggiudica il match 15-13. “La sorpresa positiva di questa gara è Dario che passa il girone tirando proprio bene e con una decisione che non aveva in passato – commenta Mazzetti. Ha tirato molto bene anche nella diretta contro Crecchi, atleta molto forte, dove non ha mollato fino all’ultima stoccata”.
In pedana anche Stefano Mazzetti che perde la prima diretta e Marco Banchieri, che esce al girone.
Per la spada femminile sono scese in pedana Silvia Albertazzi e Claudia Cavallini che non accedono alle dirette per qualche stoccata.
Nella sciabola Virginia Laurenti e Chiara Boncompagni perdono per entrare nelle 32 e Nicola Bernardini non ce la fa ad entrare nei 64. “Devo dire che purtroppo il risultato non è dei migliori – commenta il tecnico Alberto Cataleta -. Se analizzo la prova dei miei tre atleti in pedana, sono soddisfatto per quanto riguarda la qualità della tecnica e il loro atteggiamento in gara, ma non posso dire altrettanto dei risultati, che ad oggi, sono carenti”.
Sabato 21 e domenica 22 gennaio è la volta degli under 14 di sciabola che scenderanno in pedana a Mestre per la Seconda Prova Interregionale GPG, mentre i master della Sigea saranno a San Giorgio di Nogaro per la Terza Prova Nazionale master.