Bologna. Il secondo appuntamento della rassegna “Musica insieme in Ateneo”, giunta alla quindicesima edizione, propone il concerto della pianista ucraina Anna Fedorova allieva dell’Accademia pianistica internazionale “Incontri con il Maestro” di Imola. L'appuntamento è per giovedì 26 gennaio 2012 alle 20.30 nell’Aula Absidale di Santa Lucia (Via de’ Chiari, 25/a).

L’ingresso è gratuito per gli studenti ed il personale docente e tecnico amministrativo dell’Università di Bologna, gli inviti possono essere ritirati presso la sede dell’Urp, in Largo Trombetti 1, la settimana precedente ciascun concerto (lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle ore 9 alle ore 12.30; martedì e giovedì dalle ore 14.30 alleore 16.30). Il giorno dell’evento, tutti i cittadini potranno ritirare gli inviti ancora disponibili, recandosi presso la sede dell’Urp negli orari di apertura sopra indicati.

Per maggiori informazioni: Musica Insieme tel. 051-271932; e-mail: info@musicainsiemebologna.it, sito internet: www.musicainsiemebologna.it.

 

Programma.

Domenico Scarlatti

Sonata in re minore K 213

Sonata in mi maggiore K 20

 

Franz Schubert

Sonata in si bemolle maggiore D 960

 

Franz Liszt

Dalle Années de pèlerinage. Deuxième Année. Italie R 10b: Sonetto 104 del Petrarca

Sesta Rapsodia ungherese R 106

 

Le Sonate K 213 e K 20 di Domenico Scarlatti che apriranno il programma della serata, metaforicamente aprendo anche la storia del pianoforte moderno, della quale Anna Fedorova ci offrirà una vera e propria panoramica storica lungo due secoli di capolavori. A Scarlatti farà infatti seguito quello che si può definire il testamento spirituale di Franz Schubert, l’ultima Sonata in si bemolle maggiore D 960, che Schumann recensirà alla pubblicazione (avvenuta soltanto nel 1838) cogliendone la composizione che “scorre mormorando di pagina in pagina, sempre lirica, senza mai pensiero per ciò che verrà, come se non dovesse mai arrivare alla fine, interrotta solo qua e là da fremiti più violenti che tuttavia si spengono rapidamente”. A seguire, le due anime di Franz Liszt: quella spirituale e raccolta del Sonetto 104 del Petrarca e quella struggente quanto funambolica della Sesta Rapsodia Ungherese che concluderà il concerto. Il programma non prevede intervallo.

 

Anna Fedorova.

Nata in Ucraina, a soli vent’anni Anna Fedorova si è esibita nelle prestigiose sale di tutta Europa, da Amsterdam a Parigi, da Mosca a Francoforte, suonando anche in Argentina e Messico, in tour con l’Orchestra Filarmonica di Buenos Aires e l’Orchestra Sinfonica Nazionale del Messico sotto la direzione di Carlos Miguel Prieto. Nel 2008 ottiene il diploma alla prestigiosa Scuola Musicale Lysenko, riservata a bambini particolarmente dotati, dove era stata beneficiaria per cinque anni di una borsa di studio voluta dal Presidente dell’Ucraina. Attualmente studia con il Maestro Leonid Margarius all’Accademia Pianistica Internazionale “Incontri col Maestro” di Imola. Nella sua carriera si è aggiudicata ben 14 riconoscimenti in altrettante competizioni pianistiche internazionali, dal Primo Premio al Concorso “Rubinstein” e al Concorso Internazionale per giovani talenti di Tbilisi in Georgia, dove ha ricevuto anche il Premio come Migliore Pianista della competizione, fino al Premio Speciale dell’Istituto Chopin al Quarto Concorso Internazionale per giovani pianisti “Fryderyk Chopin” di Mosca. Momenti importanti per la sua carriera sono stati le recenti esibizioni in Giappone con la Tokyo New City Orchestra, a Zurigo con l’Orchestra da Camera di Losanna, e non da ultimo il suo recital nella Sala Grande del Concertgebouw di Amsterdam.