Imola. La giunta del Nuovo Circondario imolese ha approvato il consuntivo delle attività 2011 del Cisst (Centro integrato servizi scuola/territorio). Le 27 attività svolte nel 2011 hanno visto la partecipazione di 604 persone, tra insegnanti, educatori e personale di segreteria. Tra gli argomenti trattati nei corsi, vi sono tematiche legate alla formazione dei docenti che seguono bambini con difficoltà nell’apprendimento, per l’integrazione scolastica degli studenti stranieri, l’innovazione didattica (in particolare nuove tecniche di insegnamento delle lingue, della musica e della matematica), le tecniche di comunicazione, di gestione della classe, l’invito alla lettura creando un nuovo rapporto con il libro e il “cooperative learning”, una modalità che insegna ai ragazzi ad apprendere, collaborando tra loro in modo creativo.
Il budget annuale, di 67.600 euro, è stato finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Imola, dai Comuni del Circondario Imolese, dal Nuovo Circondario Imolese e dall’Ufficio Scolastico Regionale. Di questi, 31.800 euro sono stati impegnati nella realizzazione di corsi di formazione/aggiornamento per docenti, personale tecnico e di segreteria, mentre il restante è andato a finanziare sia il coordinamento complessivo del CISS/T che la realizzazione di altri progetti, tra cui tutte le iniziative sull’orientamento scolastico dedicate agli alunni delle classi terze delle scuole secondarie di primo grado ed ai loro genitori, per la scelta della scuola superiore. Tra queste la più importante è la “Giornata dell’orientamento scolastico” che a novembre di ogni anno viene ospitata dall’Istituto Agrario Scarabelli di Imola.
Tra i compiti affidati al Ciss/t anche quello di convogliare a favore del sistema scolastico le proposte proveniente da varie agenzie formative, collaborando attivamente ad esempio con l’Ausl di Imola, il monitoraggio dell’accordo provinciale e territoriale per l’integrazione scolastica degli alunni disabili, il monitoraggio e coordinamento del sistema del trasporto scolastico e i compiti di segreteria per la Conferenza territoriale dell’offerta formativa.
“Vorrei sottolineare – dichiara Vanna Verzelli, vicepresidente del Nuovo Circondario imolese, con delega all’Istruzione e ai Servizi per l’infanzia – che il Cisst è sempre più una valida risposta del nostro territorio che rimedia alla soppressione del distretto scolastico, consentendo di mantenere in stretta relazione tutte le istituzioni scolastiche e di lavorare assieme alla rete delle scuole per il sostegno della loro autonomia. E’ uno strumento che solo il Circondario imolese può vantare in ambito provinciale e proprio per questo penso sia da rimarcare come questo costituisca un punto di grande qualità di cui il nostro territorio ha saputo dotarsi”.
Da settembre 2011 il Cisst ha anche un nuovo direttore. Si tratta Enrico Michelini, dirigente dell’Istituto comprensivo di Dozza – Castel Guelfo e al secondo anno di dirigenza, in qualità di reggente, presso l’Ic 4 di Imola: “La funzione di coordinamento e proposta che il Cisst esprime da anni, relativa in particolar modo agli interventi di formazione del personale della scuola, va sempre più orientandosi verso la definizione di contesti formativi che superino le tradizionali formule dell’aggiornamento, favorendo piuttosto la modalità attiva della ricerca tra i docenti che partecipano alle varie iniziative. Proposte di formazione che si innestano quindi sul virtuoso circolo della ‘ricerca in azione’: gruppi di docenti che si formano, si confrontano, approfondiscono le tematiche proposte, ne curano infine la ‘ricaduta’ nei propri contesti operativi, facendosi promotori di ulteriori iniziative di ricerca e di formazione tra i propri colleghi. Questo l’impegno del Cisst: garantire la qualità delle proposte (che sempre nascono da esigenze espresse dal mondo della scuola) favorendo al contempo la crescita professionale del singolo docente in un contesto di  valorizzazione della propria realtà scolastica”.