Caro Direttore,
credo che le aziende, vendendo poco, se le inventino tutte e, spesso lo fanno senza andare molto per il sottile. L’industria dell’automobile è maestra infatti riesce a farci comprare auto che consumano il triplo di quello che potrebbero consumare ma in compenso sporcano di più! In base a quanto inquinano, le auto sono classificate come Euro 1, Euro 2, etc., fino ad Euro 5 ma arriveremo ad Euro 6… 7 etc. etc: ci prendono in giro!
Ora va di moda il Fap cioè il “Filtro anti particolato” che trattiene le “polveri sottili”… cos’è? Il motore espelle “polveri sottili”, finissime di vari metalli inglobate con carbonio prodotto dalla combustione. Questi “granuli” non sono tanto sottili e vengono, in gran parte, fermati nella prima parte dell’apparato respiratorio: vie aeree superiori, trachea, bronchi e bronchioli. Certo non fanno bene ma non sono dannosi come le polveri sottili! Le case costruttrici si sono inventate il filtro anti particolato che ferma le poveri sottili agglomerate con carbonio ma… dove lo mette?   Ogni 500, 1000 Km, il filtro si intasa ma è impensabile cambiarlo sia per il costo sia perché dovrebbe essere smaltito.
Ecco la grossa idea: quando il filtro comincia ad intasarsi e ad essere un ostacolo per i gas di scarico, la pressione nel condotto di scarico aumenta, la centralina elettronica rileva l’aumento di pressione nello scarico e da il via alla pulizia del filtro facendo bruciare il materiale filtrato!
Le polveri sottili, essendo metalliche non possono bruciare ma brucia il carbonio che le ingloba e perciò vengono liberate! Sono poi espulse dalla marmitta, inalate, non fermate nelle vie respiratorie superiori e vanno dritte negli alveoli polmonari favorendo o provocando tumori e decine di altri problemi: non sono biodegradabili e nemmeno biocompatibili… l'ultimo aggettivo è sinonimo di patogeno!
Ma questo, le industrie automobilistiche lo sapevano da prima: perché gli Stati l’hanno permesso? L’automobile che sporca di meno, non è quella filtrata meglio bensì quella che consuma meno perché produce ed emette meno di tutto… forse la vecchia Nsu Prinz è una delle migliori!
Il “motorino” che sporca di meno non è lo scooterino a due tempi con marmitta catalitica, di certo è molto meglio il Motom degli anni ’50! In certi campi, la regressione è molto progredita! (Gian Franco Bonanni)