Imola. Cerimonia di accoglienza dedicata ai “nuovi cittadini” ed alle loro famiglie, che hanno ottenuto la cittadinanza italiana nel secondo semestre del 2011. La manifestazione si è svolta nel tardo pomeriggio di martedì 7 febbraio nella sala Giunta in Municipio, A ricevere i nuovi cittadini italiani sono stati il sindaco di Imola, Daniele Manca, e l’assessore alle politiche per l’integrazione multiculturale, Ivan Vigna.
Nel secondo semestre del 2011 sono 10 i cittadini stranieri residenti a Imola che hanno acquistato la cittadinanza italiana, che si è estesa ai loro figli minori conviventi. Nello specifico il nostro status civitatis è stato attribuito a 7 uomini , 3 donne e 8 figli minori. Fra gli adulti 2 sono di cittadinanza albanese, 4 di cittadinanza marocchina, 1 di cittadinanza brasiliana, 1 di cittadinanza romena, 1 di cittadinanza macedone e 1 di cittadinanza angolana. Fra i minori conviventi, 7 sono di origine marocchina e 1 di origine brasiliana.
A tutti i neo cittadini italiani è stato consegnata una copia della Costituzione. “Voglio congratularmi con voi per avere raggiunto un obiettivo importante, quello della cittadinanza, che garantisce i diritti di cittadinanza e politici – ha sottolineato l’assessore Ivan Vigna -. Come Comune siamo impegnati a garantire le migliori condizioni e gli stessi diritti di accesso al welfare a tutti i cittadini, senza guardare al passaporto delle persone e siamo impegnati a far sì che sia migliorata la normativa che regola la concessione della cittadinanza ai cittadini stranieri presenti nel nostro Paese. Per questo come giunta abbiamo approvato l’adesione del Comune di Imola alla campagna “L’Italia sono anch’io” e il Consiglio comunale ha approvato uno specifico ordine del giorno a sostegno dell’iniziativa”.
Complessivamente, nel 2011 sono stati 29 i neo cittadini italiani di cui 19 (con 7 figli minori) nel primo semestre e 10 (con 8 figli minori) nel secondo semestre (quelli ricevuti ieri, appunto).