Circondario imolese. Le scuole torneranno ad essere chiuse in tutti i comuni del circondario sabato 11 febbraio. Questo in seguito all'allarme lanciato dalla prefettura di Bologna, che ha diramato nella serata di giovedì 9 febbraio un comunicato urgente a tutti i sindaci della Provincia nel quale si consiglia “di non uscire dalle abitazioni nel periodo indicativo compreso tra le ore 12 di venerdì 10 e le ore 17 di sabato 11 e comunque, in caso di necessità, di ridurre al minimo essenziale l’esposizione all’aperto”. Tale comunicato segue una precedente comunicazione dalla Protezione Civile dell'Emilia-Romagna nella quale si annuncia la possibilità di bufere, con intense nevicate, gelo e forte vento, con “gravi rischi per e la sicurezza l’incolumità delle persone”. Il prefetto Tranfaglia ha invitato inoltre i sindaci a prendere tutte le misure necessarie per affrontare emergenza, in particolare “valutare l’opportunità di disporre la sospensione di ogni attività didattica entro le ore 11.30 di venerdì 10 febbraio, al fine di consentire il rientro nelle rispettive abitazioni”.

Imola: il Comune già nella serata di giovedì 9 ha avvisato i genitori degli alunni con un sms, invitandoli ad andare a prendere il propri figli a scuola a partire dalle ore 11.30 di venerdì. Con un successivo sms è poi arrivata la comunicazione di chiusura delle scuole per sabato 11. Sempre sabato 11 febbraio sono sospesi anche i mercati ambulanti (mattutini e pomeridiani) e quello agraoalimentare all’ingrosso di viale Rivalta. E’ stata inoltre disposta la chiusura temporanea al pubblico dei Musei civici di Imola (Rocca Sforzesca, Palazzo Tozzoni, Museo di San Domenico) nelle giornate di sabato 11 e domenica 12 febbraio.
E’ stata prorogata fino al 19 febbraio l’ordinanza emanata dal sindaco nei giorni scorsi (inizialmente in vigore dal 3 al 12 febbraio) che autorizza l’attivazione degli impianti di riscaldamento per un massimo di 18 ore (anziché le consuete 14 ore, fra le 5  le 23), viste le condizioni climatiche e in previsione di un ulteriore peggioramento della situazione.
La portineria/centralino del Comune (0542.602111) sabato 11 febbraio rimarrà aperta in via straordinaria fino alle 19 (anziché alle 13,30) e sarà aperta sempre in via straordinaria anche domenica 12 febbraio dalle 7 alle 19.
L’Urp/Informacittadino (0542.602308) sabato 11 febbraio rimarrà aperto dalle 7 alle 13, mentre al pomeriggio viene garantito l’inoltro delle segnalazioni giunte per email, ai colleghi del settore Mobilità, Infrastrutture e Verde Pubblico che gestisce e coordina l’emergenza neve. Ricordiamo anche il Numero Neve: 0542/602555.

I mezzi all’opera
Viste le previsione e l'allarme lanciato dalla prefettura, a scopo preventivo per tutto il territorio cittadino sono state salate (6 i mezzi all’opera) le strade sia nella giornata di giovedì 9 febbraio fino alla mezzanotte che per tutta la mattinata di oggi, a partire dalle ore 4, in previsione dell’arrivo della neve. Sono stati preallertati tutti i 32 mezzi spazzaneve, che sono pronti a partire. Alle ore 5 di questa mattina sono usciti i primi spazzaneve nelle zone di collina (da Montecatone a Pieve S. Andrea, poi Tremonti) visti i primi cumuli rilevanti; in pianura lo spessore della neve caduta è di circa 1/2 cm, per cui si prevede di uscire con gli spazzaneve nelle prossime ore quando sarà di 4-5 cm e l'azione delle lame può avere efficacia. Si è inoltre approfittato delle ore notturne, senza traffico, per effettuare alcuni interventi di sgombero e pulizia della precedente nevicata.
 
Per i cittadini
Si rammenta ancora che i marciapiedi sono di competenza dei frontisti e che la neve viene accumulata ai lati delle strade, di conseguenza non è possibile rispondere a singole richieste di sgombero della neve davanti ad accessi privati. In centro storico, vista la mancanza di spazi laterali per lo smaltimento la neve viene accumulata e caricata solo successivamente. I parcheggi pubblici in sede propria e quelli su strada ma occupati da auto vengono sgombrati dalla neve solo in un secondo tempo. Ove vi sono strade strette piene di auto parcheggiate che lasciano uno spazio insufficiente per cui lo spazzaneve non riesce ad entrare, non è possibile intervenire se non a completo sgombero delle auto. Pertanto, si raccomanda di non parcheggiare lungo le strade, per agevolare l’intervento degli spazzaneve e comunque una volta a casa parcheggiare il più possibile le auto in garage.
Si raccomanda ai cittadini di ridurre il più possibile l’uso di mezzi privati e comunque di muoversi solo se dotati di veicoli con gomme termiche o catene.
La massima attenzione va poi prestata al rischio di caduta di neve e di candelotti di ghiaccio creatisi sui cornicioni, che possono risultare pericolosi.
Infine, domenica 12 febbraio, in mattinata, in relazione alle condizioni meteo, l’Amministrazione comunale valuterà ulteriori provvedimenti da prendere, in particolare riguardo alle scuole.

Castel San Pietro Terme. Chiusura di tutte le attività didattiche dalle ore 18 di venerdì 10 e per tutto sabato 11 febbraio. Sta continuando intanto l’impegno per garantire il miglior funzionamento dei servizi e la migliore viabilità possibili. Stante la situazione attuale restano confermate l’apertura della piscina comunale e del cimitero del capoluogo. Tutti gli aggiornamenti sulle attività per mitigare i disagi del maltempo si possono consultare sul sito e sulla pagina Facebook “Comune di Castel San Pietro Terme (pagina ufficiale del municipio)”. Per informazioni e segnalazioni, i cittadini possono anche telefonare allo Sportello Cittadino: tel. 0516954154; oppure alla Polizia municipale: numero verde 800887398, funzionante anche con i cellulari.

Il comunicato del prefetto >>