E’ morto Lucio Dalla. Lo ha stroncato giovedì 1 marzo un attacco cardiaco a Montreaux, in Svizzera, dove era impegnato in tournée. La notizia è piombata drammaticamente nel mondo della musica e dello spettacolo verso ora di pranzo. Il 4 marzo, come ha raccontato in una delle sue più belle canzoni, avrebbe compiuto 69 anni. Nato a Bologna, ha rappresentato uno dei capisaldi della musica e della cultura italiana. Artista poliedrico, sul piano musicale è stato uno dei più affermati cantautori italiani, considerando la continuità della sua carriera che sfiora i 50 anni di attività artistica. Musicista di formazione jazz, riscopertosi poi autore dei testi delle sue canzoni in una fase matura, suona da clarinettista e sassofonista, e talvolta da tastierista. La sua produzione musicale ha attraversato numerose fasi, dalla stagione beat alla sperimentazione ritmica e musicale, fino alla canzone d'autore, arrivando a varcare i confini della lirica e della melodia italiana. E’ stato compositore e autore di alcune delle più belle canzoni di tutti i tempi, certamente i suoi lavori resteranno una pietra miliare della storia musicale e culturale del nostro Paese.