San Lazzaro di Savena (BO). Margherita Asta sarà protagonista del primo appuntamento organizzato dal Comune di San Lazzaro per celebrare la “Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime delle mafie 2012”. Vittima dei crimini di mafia quando aveva solo 10 anni, Margherita oggi è una giovane donna che continua a lottare e a raccontare la sua storia. Nella giornata di lunedì 12 marzo 2012 incontrerà gli studenti nell’aula magna della scuola media Rodari-Jussi alle ore 10, mentre nel pomeriggio, alle ore 17, sarà la volta dei cittadini nella Sala Eventi della Mediateca. L’incontro è promosso dall’assessorato alla Qualità educativa in collaborazione con la scuola media Rodari-Jussi, il primo ed il secondo circolo didattico. “Le inchieste di Roberto Saviano e Giovanni Tizian – ha dichiarato il vicesindaco e assessore alla Qualità Educativa Giorgio Archetti – hanno portato all’attenzione del vasto pubblico un dato importante: la mafia travalica da tempo i confini del sud Italia ed ha esteso i suoi tentacoli nelle ricche regioni del nord Italia e dell’Europa. Sensibilizzare i cittadini ed educare i giovani alla legalità sono gli strumenti più importanti per arrivare a sconfiggere questo male. Con queste iniziative il Comune di San Lazzaro di Savena intende testimoniare il proprio impegno a non sottovalutare il problema”.

Dal 19 al 24 marzo 2012 la cucina comunale utilizzerà per i menu delle scuole passata di pomodoro, pasta, olio extravergine di oliva e marmellata di arance di Sicilia provenienti dalle cooperative di Libera Terra che operano su terreni confiscati alla criminalità organizzata.