Imola. I nidi comunali ospiteranno 40 educatrici e professionisti provenienti dalla città e dalla provincia di Bergamo. Mercoledì 14 marzo le strutture imolesi si apriranno per illustrare agli ospiti i servizi rivolti ai più piccoli ed avere un confronto con i responsabili, i pedagogisti e le educatrici imolesi, al fine di comprendere meglio e toccare con mano le metodologie di lavoro, l’organizzazione, il progetto pedagogico. Il folto gruppo sarà guidato da Ferruccio Cremaschi, direttore della rivista “Bambini”, la rivista nazionale più diffusa e di riferimento per chi si occupa di educazione per la prima infanzia, e membro autorevole del gruppo nazionale “Nidi infanzia”, un’associazione nata nel 1980 per iniziativa di Loris Malaguzzi, l’artefice assoluto dell’esperienza dei nidi di Reggio Emilia.
“Nidi infanzia” svolge annualmente la formazione per conto del Comune di Bergamo e quest’anno, sulla scia del protagonismo imolese al convegno nazionale sull’infanzia organizzato dalla regione Emilia Romagna il 29 settembre 2011 e la qualità dell’impianto progettuale e pedagogico, ha deciso di scegliere come realtà significativa da visitare appunto Imola ed i suoi nidi comunali.
Nella mattinata le educatrici ed i professionisti bergamaschi saranno collocati in 6 nidi (Campanella, Fontanelle, Primavera, Piazza Romagna, Spazio Bambini, Scoiattolo) e nel pomeriggio ai musei del San Domenico incontreranno l’assessore Marco Raccagna, la dirigente, il responsabile del servizio, il coordinamento pedagogico e varie educatrici, per scambiarsi punti di vista e approfondire le diverse tematiche.
“Quella delle educatrici di Bergamo e di Cremaschi è una visita quanto mai gradita. Conosco Ferruccio Cremaschi e il suo impegno costante per fare in  modo che la cultura dei nidi divenga patrimonio di tutto il territorio nazionale e di tutte le amministrazioni locali e quindi non può che fare piacere che abbia scelto Imola come Città da prendere ad esempio di buona amministrazione e di realtà dove l’investimento di risorse ed idee sui servizi rivolti ai più piccoli non è inchiostro vergato sulla carta ma al contrario realtà quotidiana che si può toccare con mano. E’ un impegno che questa Amministrazione si è presa ad inizio mandato, è un impegno che da sempre fa parte del Dna di Imola, è un impegno che ci prendiamo anche per il futuro. Ringrazio allora tutti i lavoratori del servizio Infanzia e dei nidi per il loro impegno quotidiano e le famiglie imolesi che dimostrano ogni giorno di più di apprezzare il nostro lavoro al servizio delle famiglie e dei più piccoli” commenta l’assessore alla Scuola, Marco Raccagna.