Borgo Tossignano (BO). Le lavoratrici e i lavoratori della ditta Sermec insieme ai sindacati territoriali, riunitasi in assemblea davanti ai cancelli dell'azienda nella mattinata di oggi 24 aprile, ritengono insufficienti e aleatorie le risposte date ai lavoratori nell'assemblea organizzata dall'azienda nella giornata del 23 aprile, pertanto hanno proclamato uno stato di agitazione e uno sciopero a oltranza fino a quando non avranno percepito tutti i loro soldi trattenuti dall'azienda.
In particolare, i lavoratori contestano con forza il totale disinteresse dell’azienda nei confronti del sito di borgo Tossignano che verrà chiuso, come dichiarato dalla proprietà. “Non condividiamo le dichiarazioni fatte nella stessa assemblea dall'azienda che si sarebbe ripromessa di erogare la sola mezza mensilità di gennaio, a copertura completa del mese, invitandoci a richiedere successivamente all'Inps le altre tre mensilità. Questo significa che l’azienda è indisponibile a erogare tutte le mensilità arretrate, ma intende metterle a carico dell’Inps quindi a carico della collettività. I lavoratori, comunque, dubitano anche le l’azienda mantenga la promessa di versare mezza mensilità. Giudichiamo molto gravi le dichiarazioni dell’azienda che ha informato di commissionato esternamente le lavorazioni in sospeso. Se la proprietà ha realmente agito in questo modo, si tratta di un comportamento antisindacale e una violazione di un diritto costituzionale”.