Bologna. Il primo maggio 2012, festa dei lavoratori in molte parti del mondo, i musei e le zone archeologiche dell'Emilia Romagna saranno aperti al pubblico al simbolico costo di 1 euro a persona. Saranno aperti tutti i luoghi gestiti dalla Soprintendenza dei Beni Archeologici: visitabili i Musei Archeologici Nazionali di Parma, Ferrara, Marzabotto (BO) e Sarsina (FC), l’antiquarium di Ravenna Classe e gli scavi archeologici di Russi (RA) e Veleia (PC) con mostre, visite guidate e incontri di approfondimento. Il Museo Archeologico Nazionale di Ferrara sarà aperto dalle 9 alle 19 con due visite guidate condotte da Valentino Nizzo (ore 11) e Caterina Cornelio (ore 16). Visibile fino al 18 maggio anche la mostra “L’amore al tempo della guerra”, percorso tematico tra le pitture vascolari che narrano le vicende della guerra di Troia, allestita al piano nobile del museo. Il Museo Nazionale Etrusco di Marzabotto (BO) è aperto dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.30 (area archeologica 8-19) con visita guidata gratuita alle ore 10 condotta dall’archeologa Silvana Sani. Il Museo Archeologico Nazionale di Sarsina (FC), città natale di Plauto, resterà aperto dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 15 alle 18. Alle ore 16, l’Ispettore Onorario per l’archeologia, Piergiorgio Pellicioni guida il pubblico alla scoperta di uno dei più importanti musei dell'Italia Settentrionale che espone, tra gli altri, lo straordinario mausoleo di Rufus (fine I sec.a.C.), il mosaico policromo con “Il Trionfo di Dioniso” e gruppi scultorei raffiguranti divinità orientali. Maggiori informazioni sul sito web. (Elvis Angioli)