Bologna. Arriva all’Ikea “Il gioco di inOrto”, una nuova attività educativa, ludica e divertente con l’obiettivo di trasmettere i valori di una sana e corretta alimentazione ai bambini attraverso il contatto diretto con mondo delle verdure. Saranno tre gli appuntamenti del mese di maggio: mercoledì 16 maggio nel punto vendita Ikea di Carugate (Milano), sabato 19 a Casalecchio di Reno (Bologna) e martedì 22 maggio a Genova.
“Il gioco di inOrto” si compone di 30 grandi caselle colorate che segnalano il percorso da seguire per raggiungere la meta: la creazione, passo dopo passo, di un vero e proprio orto. Strumenti del mestiere alla mano, i piccoli concorrenti – divisi in squadre e guidati dagli animatori – dovranno mettersi in gioco attivamente, rispondendo in maniera corretta alle domande dei quiz e, soprattutto, rimboccandosi le maniche per superare gli imprevisti e completare il percorso attraverso le quattro fasi di preparazione del terreno, semina, cura e raccolta delle piantine.
Il progetto è stato ideato e realizzato dalla Fondazione Bonduelle, da sempre impegnata a promuovere l’utilità pubblica delle verdure nel quadro di una sana e corretta alimentazione. In Ikea, azienda “green” per eccellenza – la Fondazione ha trovato una prima location ideale per la realizzazione del gioco: entrambe, infatti, sono realtà che promuovono comportamenti di consumo più responsabili e sostenibili e una maggiore attenzione nei confronti dell’ambiente.
“Il gioco di inOrto – afferma Laura Bettazzoli, responsabile della Fondazione Bonduelle per l’Italia – è un progetto dal format replicabile e ripetibile in diverse location, che nasce dalla volontà di offrire a bambini e ragazzi un’esperienza istruttiva e divertente, che li metta a contatto con l’orto e le verdure e che li avvicini ai principi di uno stile di vita corretto e un’alimentazione sana. Questo gioco, inoltre, ci permette di parlare ai bambini, con un linguaggio semplice ed un approccio ludico affinché comprendano appieno l’importanza delle verdure e affinché acquisiscano maggiore consapevolezza sulle proprie scelte e abitudini alimentari”. Informazioni su: www.fondazionebonduelle.org e sui siti dei tre punti vendita di Ikea.
(Silvana Benedetti)