Imola. “La nostra città e i comuni del circondario sono pronti a contribuire per il sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto” ha dichiarato il sindaco Daniele Manca nel consiglio comunale del 30 maggio 2012. Lunedì 4 giugno 2012, giorno nel quale è stato proclamato il lutto nazionale per le vittime del terremoto in Emilia, le bandiere saranno a mezz’asta in tutti gli edifici comunali e le scuole osserveranno 1 minuto di raccoglimento. Il sindaco ha rivolto anche l’invito alle imprese commerciali e pubblici esercizi ad abbassare le saracinesche in concomitanza con i funerali delle vittime del terremoto, sempre lunedì. A proposito di aiuti concreti, il sindaco ha elencato le azioni stabilite congiuntamente dai 10 Comuni del Circondario Imolese. Per quanto riguarda le cerimonie del 2 giugno, il sindaco ha affermato di “condividere pienamente la linea della sobrietà, come indicata dal Capo dello Stato, Giorgio Napolitano”. Per cui non ci saranno il previsto concerto serale della banda “città di Imola” e nemmeno la presentazione al mattino di un libro proprio sulla storia della Filarmonica Imolese. “Per quanto riguarda le altre manifestazioni da tempo programmate per il 2 e 3 giugno e nelle settimane successive, intendiamo farle diventare occasione per sensibilizzare e promuovere la solidarietà dei partecipanti verso le popolazioni colpite dal terremoto” ha aggiunto Manca. Il riferimento è a Sport al centro e Naturalmente Imola, che si terranno in autodromo e al Parco Acque Minerali sabato 2 e domenica 3 giugno e ad Imola in Musica, in programma dall’8 al 10 giugno. “Il nostro obiettivo come città deve essere quello di non fare spegnere anche nelle prossime settimane l’attenzione solidaristica verso quelle zone. L’idea è quella di 'adottare' un territorio e mettere a disposizione le risorse per iniziative di costruzione di una scuola o di un municipio” ha concluso Manca, che ha poi invitato il Consiglio comunale ad un minuto di raccoglimento in memoria delle vittime.