Imola. “Terremoto: il volto della casa che crolla”, questo il titolo dello spettacolo teatrale messo in scena dal gruppo “Tabù?” dell'associazione “E pas e temp”, in collaborazione con il Dipartimento di Salute mentale dell’Ausl di Imola. Lo spettacolo, collocato dentro la rassegna Ddt (Diversi teatri delle diversità – Diversi dirompenti teatri) organizzato all’associazione Extravagantis, vuole essere un’occasione per riflettere e rendere omaggio alle vittime del terremoto. Per l'occasione sarà presente il sismologo Romano Camassi dell’istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (sezione bolognese), attualmente attivo sul territorio colpito dal recente sisma e già coinvolto nell’ambito di progetti di prevenzione sul territorio aquilano. L'appuntamento è al teatro Lolli di via Caterina Sforza 3 sabato 2 giugno alle ore 16.30, l'ingresso è gratuito.

Questo spettacolo rappresenta una delle tante esperienze teatrali all’interno della programmazione che negli ultimi anni hanno maturato i gruppi, TaMbù, “Tabù?” e Tilt, sostenuti dal Dipartimento di Salute mentale di Imola all’interno del progetto regionale “Teatro e salute mentale”.