Imola. Fra la politica, la fantascienza e il noir, libri da palati fini presentati spesso con “contorno” di musica dal vivo nel cortile della biblioteca. E’ l’invitante menù di “Freschi di stampa” che quest’anno partirà martedì 12 giugno, ore 21, con “Sinistri” scritto dal collettivo “Tersite Rossi”, presentati dalla giornalista Antonella Beccaria. Il romanzo è ambientato nel 2023 in un paese pieno di psicofarmaci, sesso virtuale e lifting a buon mercato. Tutto si snoda attorno a un folle movimento terroristico e a un omicidio inquietante. Garantito da un grande scrittore noir quale Massimo Carlotto.
Il secondo appuntamento si terrà il 19 giugno con la scrittrice Ben Pastor che presenterà il suo ultimo scritto “Lumen” ambientato nella Cracovia del 1939 dominata dai nazisti dove c’è una vittima, una giovane suora e un investigatore che dovrà districarsi fra gli intrighi del Vaticano e della Gestapo.
Il terzo incontro è in programma il 26 giugno con “Gli scheletri nell’armadio”, seconda puntata di una serie avviata da Francesco Recami che sarà alla serata con il giornalista Carlo Oliva.
Serata speciale quella di martedì 3 luglio, quando lo scrittore Vittorio Ferorelli, il fotografo Matteo Sauli e il musicista Giancarlo Terzani, che accompagnerà con voce e chitarra elettrica, proporranno “A bordo della strada” dedicato alla via Emilia e alle storie surreali che si snodano attorno a questa strada che ha stimolato la fantasia di molti big, a partire da Francesco Guccini.
La serata di martedì 10 luglio è dedicata all’opera lirica e agli amanti totali di questo genere grazie al libro “Anche stasera” commentato dallo scrittore e giornalista Alberto Mattioli e dal “melomane” direttore del teatro Luca Rebeggiani.
Il clou potrebbe essere il 17 luglio quando a Imola arriverà uno dei finalisti del prestigioso e ambito premio Strega di ques’anno, ovvero Emanuele Trevi con “Qualcosa di scritto”. Potrebbe essere una delle prime uscite pubbliche del vincitore dello Strega che viene assegnato il 5 luglio.
Infine, il 24 luglio grande spettacolo con “Poesia e timbri dal mondo”, il racconto del Brasile arcaico e affascinante della scrittrice Rosana Crispim da Costa anche in questo caso accompagnata da Peppe Consolmagno, uno dei percussionisti più importanti in Italia e apprezzato in tutto il mondo. Sarà un’occasione per parlare anche del Brics, ovvero dei paesi emergenti nell’economia mondiale quali il Brasile, la Russia, l’India, la Cina e il Sudafrica.
Un programma davvero interessante  reso possibile dalla collaborazione della ditta di meccanica di precisione “Gianni Andalò srl”.