Imola. Il sindaco di Imola Daniele Manca ha ricevuto in Comune i bambini bielorussi ospiti dell’associazione “Insieme per un futuro migliore”. Ieri pomeriggio nella sala del Consiglio comunale i 42 bambini provenienti dalla zona interessata dal disastro della centrale nucleare di Chernobyl hanno ricevuto il saluto del sindaco che ha approfittato per augurare ai giovani ospiti giunti a Imola di trascorrere una buona vacanza. A luglio arriveranno altri 8 ragazzi che frequentano gli istituti superiori e che al momento sono ancora a scuola. Al sindaco le bambine Palina e Diana hanno donato, a nome di tutti i bambini, un regalo pagato dalle mamme bielorusse per riconoscenza verso la città di Imola. “Davvero un gesto molto importante, se consideriamo il difficile stato economico di quelle popolazioni” afferma Arena Ricchi, presidente dell’associazione “Insieme per un futuro migliore”.

“I bambini stanno in Italia periodi variabili dalle 5 alle 11 settimane – spiega Arena Ricchi – secondo la disponibilità delle famiglie. Per quattro settimane i ragazzi frequentano il laboratorio culturale 'La Matriosca', in accordo col Dipartimento dell'Educazione della Bielorussia”. . Il laboratorio é frequentato anche da qualche ragazzo italiano così c'é un maggior coinvolgimento del territorio”. All’interno del laboratorio, sono previste lezioni di italiano, musica, danza, teatro, nuoto, racchettoni col coinvolgimento di tanti volontari che prestano gratuitamente la loro opera e associazioni cittadine che gratuitamente mettono a disposizione i loro impianti.


A causa del terremoto molti altri bambini bielorussi, solitamente ospitati nei comuni dell’Emilia, non verranno in Italia quest'anno. “Gli accompagnatori dei bambini che sono ospiti nei Comuni dell’imolese – conclude Arena Ricchi – ci hanno detto che pensavano che nessun bambino sarebbe potuto essere accolto, per gli alti costi che l’Italia dovrà sostenere per la ricostruzione, pertanto sono rimasti più che sorpresi che in questi momenti non li abbiamo abbandonati”.