Castel Guelfo (BO). La Roberto Nuti Spa si appresta a celebrare il mezzo secolo di attività. Per l’occasione l’azienda bolognese, nota in oltre 80 Paesi per i prodotti a marchio Sabo, presenta un logo celebrativo e un sito completamente rinnovato e ricco di contributi tecnici e multimediali dedicati all’ammortizzatore per veicolo industriale (unico sito in Italia ad offrirli). Compiere mezzo secolo di attività, caratterizzata da una continua crescita, rappresenta un traguardo importante che sarà simbolicamente tagliato ad Automechanika 2012, fondamentale appuntamento biennale a Francoforte, dall’11 al 16 settembre, dove l’azienda presenterà anche una nuova linea di prodotti: le teste e i tiranti per lo sterzo e le sospensioni. Il logo celebrativo del giubileo è stato disegnato da Agnese Baruzzi, artista illustratrice nota a livello internazionale, ed è incentrato sull’italianità dell’azienda. Nella grafica compare una grande cifra “50” di colore azzurro: il colore del marchio Sabo e delle Nazionali sportive italiane. All’interno del numero compare la sigla “RNB”, acronimo di Roberto Nuti Bologna, il nome più antico della Roberto Nuti Spa. Completa il logo la scritta “Genuine Italian brand”, che dal 2012 accompagna l’immagine Sabo, affiancandosi all’ormai storico “The Art of Technology”.
“La storia della nostra azienda – dice Massimo Nuti, direttore generale -, è anche la storia della nostra famiglia e questa ricorrenza ci riempie di orgoglio e di riconoscenza nei confronti di mio padre, Roberto, e di tutte le persone che ci hanno accompagnato in questo cammino: i dipendenti, i collaboratori, gli agenti e, naturalmente, i nostri distributori, i meccanici e gli autisti. Tutte queste persone, professionisti del trasporto pesante, in tanti anni hanno dimostrato fiducia in noi e ci hanno stimolato a offrire un servizio e un prodotto sempre migliori. Ancora oggi abbiamo clienti che comprano Sabo dal primo giorno, e questa è una delle più grandi soddisfazioni che un imprenditore possa avere”.
 
Roberto Nuti lasciò giovanissimo la natia La Spezia e il piccolo negozio di biciclette del padre Arnolfo, per percorrere instancabile tutta la Penisola vendendo ricambi per la Fiat 500 “Topolino”. Erano gli anni della ricostruzione, le strade e i mezzi di trasporto non erano certo quelle di oggi. Ma erano anche anni di ottimismo e di opportunità. Come molti altri, il giovane Roberto cominciò così il suo percorso da imprenditore, che lo portò a fondare la propria attività nel 1962 e a cominciare la produzione dell’ammortizzatore Sabo (acronimo di Shock Absorber Bologna) dalla metà degli anni Settanta. A metà degli anni Ottanta entrò in azienda anche il figlio Massimo, che seguì le orme paterne, imparando il lavoro e facendo esperienza senza prendere scorciatoie, cominciando dai lavori di magazzino per poi passare all'ufficio acquisti e la definizione dei cicli di lavorazione per la determinazione dei costi. Una “gavetta” che lo stesso Massimo Nuti considera “importantissima per acquisire l'esperienza e la consapevolezza di tutte le problematiche aziendali”. La crescita economica degli anni Ottanta portò tante piccole imprese sub-fornitrici della RNB a commercializzare direttamente, cercando di evolversi proponendo i loro prodotti a marchio proprio. Fu così Massimo, diventato direttore commerciale, a proporre al padre la soluzione per affrontare il nuovo mutamento del mercato: togliere dal catalogo gli articoli commercializzati non in esclusiva e a concentrare i propri sforzi sugli ammortizzatori Sabo, perfettamente intercambiabili con gli originali di tutte le marche circolanti e tarati in modo particolare per compensare i principali effetti dell’usura del mezzo per ciò che riguarda sospensioni, assetto di strada e, quindi, sicurezza. Il completamento della gamma unita all'eccellente qualità raggiunta dall'ammortizzatore Sabo fu una vera rivoluzione commerciale, che portò l'azienda a crescere e ad acquisire quella forte identità sul mercato internazionale che oggi conosciamo, rafforzata due anni fa con l’avvio della produzione delle molle ad aria Sabo Airsprings e, ora, con le gamma di teste e tiranti per sterzo e sospensioni sempre a marchio Sabo.