Imola. Il cantautore bolognese Germano Bonaveri ha scelto Imola per la prima del suo progetto “MusicaLibera – La filiera colta della musica”. L’appuntamento è per venerdì 13 luglio, alle ore 19,  con il concerto in piazza Caduti per la Libertà. “Il progetto MusicaLibera nasce perché la musica dal vivo e l’arte in generale tornino a essere fruibili da tutti nelle piazze e nelle strade – afferma Bonaveri -, e che se un compenso deve esserci debba essere riconosciuto a coloro i  quali stanno sul palco  producendo bellezza, cercando di divulgarla  e creando momenti di  vera aggregazione sociale e  culturale”.
La novità di questo progetto, come spiega l’assessore alla Cultura, Valter Galavotti, è che “un cantautore intelligente e sensibile come Germano Bonaveri decide insieme con alcuni musicisti di grande talento ed esperienza di scendere dal palco dello show business per tornare in mezzo alla gente e portare (o meglio ‘riportare’) la musica dal vivo nelle vie e nelle piazze”. In pratica un concerto che nasce in un rapporto diretto fra musicisti e pubblico, dove il Comune mette a disposizione uno spazio e le autorizzazioni necessarie, il tutto senza alcun esborso economico e i musicisti si accollano il rischio di suonare gratis, senza incassare nulla, se il pubblico non vorrà dare loro niente. Perché non c’è biglietto di ingresso e il compenso per i musicisti è a discrezione del pubblico.
Sarà un vero e proprio concerto, con musicisti di altissimo livello ed esperienze con i maggiori cantanti del panorama nazionale. Insieme a Germano Bonaveri, chitarra e voce, si esibiranno Roberto Manuzzi, fisarmonica, armonica a bocca e sax soprano; Luca De Riso, al basso; Antonello D’Urso, alla chitarra, Gabriele Palazzi, alla batteria. Oltre a loro hanno già aderito al progetto “MusicaLibera” anche Valerio Sturba, violino e Pasquale Montuori, batteria e i tecnici del suono del valore di Maurizio Biancani e Paolo Biavati. “Altri musicisti si sono detti interessati e daranno la conferma della loro adesione al progetto MusicaLibera nei prossimi giorni”, fa sapere Germano Bonaveri, che ricorda “Imola è la prima tappa, ma poi saremo a Monte Sole l’1 settembre, a Ferrara il 22 settembre, mentre due concerti sono in programma a Bologna, in settembre ed ottobre ed una a Faenza nella prima metà di settembre”. “Ho molta fiducia che le persone capiranno il nostro progetto” sottolinea Germano Bonaveri.
Oltre al patrocinio del Comune di Imola il progetto “MusicaLibera” a breve dovrebbe avere anche quello della Regione Emilia Romagna, dell’Anpi e degli altri Comuni in cui Bonaveri e i suoi musicisti si esibiranno.
“Questo atto generoso  e temerario  equivale al  grido  del bambino ,‘ il re e nudo’,  che non può fingere  di vedere  i vestiti inesistenti dell’imperatore – aggiunte l’assessore Galavotti -. Significa uscire da un mondo di plastica fatta di promoter, manager, editori, produttori, stregoni della comunicazione e del marketing che sfornano ‘prodotti’ musicali con le stesse strategie con cui si propongono e si impongono abiti e telefonini. La musica torna alla sua disarmante semplicità. Da una parte  musicisti che propongono  musiche e parole  che vanno ascoltate e non consumate come martellante sottofondo quotidiano o secondo  liturgie collettive imposte da ossessive campagne mediatiche; dall’altra il  pubblico che liberamente può scegliere di entrare empaticamente in sintonia con questi artisti”.