Imola. L'Ausl locale, l'Asp e l'Unitalsi hanno rinnovato in questi giorni l'accordo per garantire il servizio di trasporto presso l'ospedale alle persone in dialisi. Un servizio questo avviato nel 2005 e di fondamentale e di grandissima importanza, i cui volontari, con molta attenzione e cura, fungono da autisti del tutto gratuitamente. Il mezzo del trasporto attrezzato, un Fiat Doblò, è messo a disposizione dall'Asp, mentre restano a carico dell'Ausl di Imola le spese per il carburante. Oggi usufruiscono di questo rilevante servizio 17 pazienti, 15 residenti ad Imola e 2 a Fontanelice, che non hanno un'autonoma disponibilità a raggiungere l'Ospedale per la dialisi che svolgono dalle 3 alle 4 volte a settimana. “Ai volontari Unitalsi va il nostro più sentito ringraziamento sia per l’essenziale servizio di trasporto che ci offrono che per il rapporto umano di cordialità ed amicizia che si è instaurato con queste persone” spiegano i rappresentanti locali dell’Associazione nazionale emodializzati (Aned). “Da quando, oramai 7 anni fa, questa collaborazione si è instaurata, sono stati risolti molti disagi, ed è particolarmente bello e significativo che la risoluzione di un problema organizzativo, ma anche umano, sia stata raggiunta unendo le forze di istituzioni e del mondo del volontariato.”