Granarolo Faentino (RA). Partiranno lunedì 20 agosto i lavori per la realizzazione del collegamento della frazione di Granarolo Faentino al depuratore Formellino di Faenza. Il costo dell’intervento sarà sostenuto dal Con.Ami con un investimento di oltre 1.100.000 euro, che rientra nel piano concordato con Ato7 Ravenna e remunerato attraverso la tariffa dell’acqua, mentre l’intervento sarà realizzato da Hera che ha affidato l’incarico ad aziende del territorio.
Dal punto di vista ambientale si tratta di un’opera importante: infatti confluiranno al depuratore le acque reflue della frazione, contrariamente a ciò che avviene ora, con la rete fognaria che scarica i reflui nel Fosso Vecchio. Si tratta quindi di un intervento che migliorerà la qualità ambientale del territorio. L’intervento rientra nell’impegno più complessivo di Hera e Con.Ami per il collegamento delle piccole frazioni che non sono ancora allacciate agli impianti di depurazione: attualmente il servizio di depurazione copre già il 93% del territorio di Imola-Faenza, a fronte di un dato nazionale del 70%.
La progettazione dell’intervento relativo alla fognatura è stata fatta su incarico del Comune di Faenza e l’area coinvolta è quella situata lungo Via Granarolo, immediatamente a Nord della frazione. Si prevede la deviazione delle reti fognarie ad un nuovo impianto di sollevamento e la realizzazione del collettore fognario, con funzionamento in pressione, per la raccolta e il trasporto dei reflui sollevati al trattamento depurativo centralizzato. L’impianto di sollevamento di Granarolo sarà completamente interrato e collocato in un’area di proprietà dell’Amministrazione Comunale di Faenza tra Via Granarolo e Via Fabbra. Dall’impianto di sollevamento di Granarolo, lungo il percorso fino all’idrovora San Silvestro, che confluisce poi al Formellino, saranno realizzati 5 km e mezzo di nuova condotta fognaria.